21/10/2017coperto

22/10/2017pioggia

23/10/2017quasi sereno

21 ottobre 2017

Treviso

Cà Sugana si svela al pubblico per la giornata del Fai

Domenica la sede del Comune mostra arazzi e sale, aperto anche il Battistero e la sala del Capitolo

Isabella Loschi | commenti |

TREVISO - Il Fai, Fondo ambiente italiano, scende in piazza con i suoi giovani volontari per la Giornata Fai d’Autunno che si terrà domenica 15 ottobre in cui i protagonisti del futuro proporranno 170 itinerari tematici da percorrere liberamente, coinvolgendo oltre 600 luoghi d’interesse artistico, paesaggistico e sociale con visite a contributo libero per scoprire e vivere scenari familiari ma poco conosciuti con lo sguardo entusiasta dei giovani del Fai. Un appuntamento per “riconoscere” le proprie città attraverso percorsi originali e scoprirne luoghi del sapere, delle attività artigianali, della musica.

I luoghi proposti dal Gruppo di Treviso sono Palazzo Sugana in Cornarotta, classico palazzo signorile veneto dal 1868 sede del Comune di Treviso, il Battistero, di epoca poco precedente a quella dell’antico Duomo romanico recentemente reastaurato e la Sala del Capitolo, alla scoperta degli affreschi di Tomaso da Modena in fase di restauro avanzata. Gli orari di apertura saranno dalle 10 alle 12.00 (partenza ultima visita) la mattina e dalle 14.30 alle 17.30 (partenza ultima visita) il pomeriggio.

In Giornata Fai d’Autunno all’ingresso di ogni luogo verrà richiesto un contributo facoltativo, per sostenere la Fondazione.

 



foto dell'autore

Isabella Loschi

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×