24/06/2017piovaschi e schiarite

25/06/2017temporale e schiarite

26/06/2017quasi sereno

24 giugno 2017

Treviso

Cadavere ritrovato in un fossato a Treviso

Indagini per chiarire causa del decesso del 52enne. Il rinvenimento in viale Felissent

commenti |

TREVISO Ritrovato il cadavere di un uomo in un fossato lungo viale Felissent a Treviso, in un punto vicino a Villa Margherita. Il corpo senza vita è stato notato lunedì mattina, verso le 8, da una persona residente nei paraggi, che ha visto il cadavere in parte ricoperto dall’acqua.

Ha dato immediatamente l’allarme, sul posto sono giunte poco dopo delle volanti della polizia, facendo scattare gli accertamenti sull’accaduto. I poliziotti hanno seguito le operazioni dei vigili del fuoco, che si sono occupati di rimuovere la salma.

La persona non aveva i documenti, per questo solo nel corso della giornata si è giunti all'identificazione: si tratta di Stefano Toninato, 52 anni, residente a Treviso. Al momento non si esclude nessuna ipotesi, anche se dalla questura di Treviso segnalano che nell'immediato non sarebbero emersi elementi tali da far presupporre una morte violenza. L’uomo potrebbe essere stato colto da malore, finendo nel fossato, per poi morire annegato.

 

Sarà l’autopsia a fugare i dubbi sulla causa della decesso. Verrà eseguita nelle prossime ore assieme all'esame tossicologico. Sono in corso indagini da parte della squadra mobile e della polizia scientifica, coadiuvate dall'autorità giudiziaria.

 

(Nelle foto il luogo dove è stato trovato il cadavere)

 

Commenta questo articolo


Loading...
vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×