17/08/2018sereno

18/08/2018quasi sereno

19/08/2018quasi sereno

17 agosto 2018

Italia

Cade dal pedalò, 22enne muore davanti agli amici

commenti |

FERRARA - Sono entrati in acqua in quattro, su un pedalò, nel mare di Lido Estensi sulla costa ferrarese: dopo essere caduti tre sono stati salvati, il quarto - un 22enne romeno - è annegato, probabilmente per un malore dovuto ad una congestione. I sommozzatori dei vigili del fuoco hanno subito attivato le ricerche in mare del giovane, finito in acqua tra i bagni Gabbiano e Dorian, e hanno poi recuperato il corpo.

 

I quattro giovani, dopo una serata di festa, ieri mattina verso le 10 hanno preso il pedalò e sono entrati in acqua, nonostante il mare non fosse del tutto sicuro. All'improvviso, secondo la prima ricostruzione della Capitaneria di Porto, sarebbero caduti in acqua e uno di loro è andato a fondo, mentre gli altri - due ragazzi e una ragazza - venivano soccorsi dai bagnini. Uno è stato poi trasportato in ospedale per controlli, mentre sul posto è arrivato anche l'elisoccorso del 118

 

La vittima dell'annegamento a Lido Estensi è un ragazzo romeno di 22 anni, Vladut Vasile Savin, che abitava a Cerea in provincia di Verona: il gruppo di ragazzi di cui faceva parte si era preso una giornata di vacanza ed erano arrivati ieri mattina ai Lidi da Cerea, Verona. Poi la decisione di prendere il pedalò e dopo la caduta in acqua la tragedia: sarà l'autopsia a stabilire le cause della morte e vista l'ora, attorno alle 10 di mattina, può darsi che il 22enne avesse finito da poco di fare colazione e la temperatura dell'acqua, non del tutto estiva, abbia causato una congestione.

 

Il mare in quel tratto non è profondo, tanto che gli amici sono riusciti a mettersi in salvo e le condizioni meteo sono mutate solo a ricerche già iniziate. I testimoni della tragedia, gli amici che si sono salvati o sono stati tratti in salvo dai bagnini, sono stati ascoltati nel pomeriggio dalla Capitaneria di Porto che sta portando avanti tutte le indagini.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×