24/06/2017piovaschi e schiarite

25/06/2017temporale e schiarite

26/06/2017quasi sereno

24 giugno 2017

Conegliano

"Cambiare Santa Lucia" candida Paola Bornia, è la terza lista per le amministrative

Sarà corsa a tre anche nel comune santalucese

Roberto Silvestrin | commenti |

SANTA LUCIA DI PIAVE - A Santa Lucia sarà corsa a tre per le prossime amministrative. Dopo “Insieme per Santa Lucia”, che ricandida il sindaco uscente Riccardo Szumski, e “Vivere bene a Santa Lucia”, guidata da Riccardo Sossai, spunta una terza civica, “Cambiare Santa Lucia”.

 

Il candidato sindaco, per stessa ammissione del gruppo “fuori dagli schemi”, è Paola Bornia, nata a Mareno di Piave ma cittadina santalucese da ormai 30 anni.

 

E’ stata scelta all’unanimità, per “far fronte al sempre più diffuso malcontento della gente e all’esigenza di un concreto e fattivo cambiamento”.

 

La lista propone un mix di giovani ed esperti, sette uomini e cinque donne: si tratta di Silvia Dal Bianco, Alessandro Marsura, Irene Bottos, Piero Bernardi, Rita Brescancin, Daniele Romano, Deborah Marcon, Gianluca Cenedese, Daniela Granzotto, Ezio Gandin, Giuseppe Rizzetto e Luigi Bariviera. Quest’ultimo ha militato nelle file della minoranza negli ultimi 5 anni, in qualità di capogruppo di “Alleanza Santa Lucia Democratica”.

 

Il gruppo ha già individuato alcune priorità programmatiche: “progettazione di un progetto di sviluppo del territorio a lungo termine, favorendo il dialogo con gli altri enti ed istituzioni, la corretta e trasparente informazione ai cittadini, la formazione continua del personale amministrativo, la gestione integrata dei servizi sociali tra enti pubblici, privati ed associazioni”.

 



Roberto Silvestrin

Commenta questo articolo


Loading...

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×