23/07/2018parz nuvoloso

24/07/2018quasi sereno

25/07/2018quasi sereno

23 luglio 2018

Agenda

CANCRO, la malattia che mi ha GUARITA - "Quel giorno che ho danzato ne bosco".

“Ho 54 anni, una vita da schifo e ho il cancro. So che un giorno morirò, ma non sarà il cancro ad uccidermi”.

Incontri - Presentazioni

quando 13/07/2018
orario Dalle 20:30 alle 23:00
dove Vittorio Veneto
Sede Siqut via Cal della Veia 30 Anzano di Cappella Maggiore
prezzo all'ingresso sarà richiesto un contributo personale per la sostenibilità dell'evento
info Regina 329 27 12 823
organizzazione Associazione SalusBellatrix
sito web https://goo.gl/CzTb5G

'Quel giorno che ho danzato nel bosco’ è  il racconto autobiografico di una donna che, di fronte ad una morte annunciata, decide di guardare negli occhi la sua paura e di andare oltre il dolore e la sofferenza e di ribaltare totalmente lo schema dentro il quale ha vissuto fino a quel momento.

E’ un canto alla vita, una danza di gioia, un invito a guardare la propria esistenza da una nuova prospettiva, un incoraggiamento a cambiare il modo di affrontare la malattia, ma anche la vita e sé stessi. A credere che esista un ‘potere di vita’ più forte di qualunque idea, medico o medicina e ad abbandonarsi con fiducia alle infinite possibilità di meraviglia che abitano il nostro corpo.

 

Ma è anche una profonda riflessione, sulla difficoltà del malato a destreggiarsi tra le sentenze dei luminari e le proposte dei cialtroni, una nota a margine sulla volontaria cecità di medici e medicina (tradizionale o ‘alternativa’), che sembrano rinchiudersi dentro i propri canoni immutabili e non voler tenere conto di un ‘oltre’ colmo di straordinarie possibilità. Incapaci forse di intravedere e accettare una terza strada in grado di bypassare quel codice che imprigiona il nostro cervello e le nostre azioni dentro immutabili certezze.

Convintasi che la malattia vada affrontata attraverso il cambiamento non solo dei ‘paradigmi oncologici’ ma anche dell’intero scenario che ha disegnato la propria storia personale, la protagonista sperimenta su stessa le nuove e sofisticate tecniche applicate alla biologia delle cellule per riattivare il potere dei meccanismi naturali di guarigione. E i risultati arrivano tanto rapidi quanto inaspettati.

Decisa a rilanciare i dadi per vincere un nuovo ‘biglietto d’ingresso’ al grande gioco della vita, la protagonista ripercorrerà la sua intera esistenza mettendosi a nudo con coraggio, candore e ironia. E farà piazza pulita di tutti i suoi mostri, cancro compreso.

Alessandra Olgiati – Nata a Lugano nel 1961.  Non le piace parlare del suo passato perché solo ora, si sente finalmente libera da quei condizionamenti che l’hanno tenuta legata ad un ruolo che non era il suo. L’esperienza del cancro le ha fatto scoprire il suo valore rendendola consapevole che, in verità, siamo esseri incredibilmente potenti.


Altri Eventi nella categoria Incontri - Presentazioni

Treviso

24/07/2018 dalle 10:30 alle 12:30 - Mecenate Tea Lounge, Piazzetta della torre, 9 - Treviso

Colazione e benessere.

Un appuntamento da non perdere

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×