21/07/2017quasi sereno

22/07/2017quasi sereno

23/07/2017sereno con veli

21 luglio 2017

Treviso

Caos treni all'Adunata, Trenitalia:"Errore degli organizzatori"

Trenitalia scarica la colpa al Comitato organizzatore:"Hanno sbagliato le stime"

commenti |

TREVISO - Troppi pochi treni messi a disposizione nei giorni dell’Adunata hanno costretto molte persone a raggiungere Treviso con altri mezzi di trasporto. Trenitalia però vuole fare “un po’ di chiarezza” - si legge in una nota dell’azienda ferroviaria - “Trenitalia fornisce servizi di trasporto pubblico locale per conto della Regione Veneto con la quale ha un contratto di servizio. I servizi aggiuntivi, quali appunto quelli erogati in occasione di particolari eventi, devono essere commissionati e finanziati dalla Regione, dagli Enti interessati o dagli organizzatori, come previsto dalle leggi”.

“Nelle giornate dell’Adunata è stato fatto esattamente quanto concordato con la Regione e col Comitato Organizzatore della manifestazione. Anzi, a fronte dei 74 treni richiesti, Trenitalia ne ha invece effettuati 97. Questa offerta era basata sulla stima degli organizzatori di circa 70-80mila arrivi. In realtà sabato 13 maggio sono giunte a Treviso 135mila persone e domenica 100mila. Che Trenitalia fosse preparata lo dimostra il fatto che domenica non si è verificato alcun problema, le partenze in particolare hanno registrato tempi di attesa nulli. Sabato, invece, l’arrivo di 50mila persone più del previsto non ha consentito di annullare i disagi, nonostante la messa in campo di tutte le risorse disponibili in termini di personale e treni".

"Nella stima sul numero degli arrivi via ferrovia gli organizzatori non hanno tenuto conto delle numerose comitive di partecipanti alla festa che hanno alloggiato in prossimità delle stazioni, delle centinaia di autobus turistici che, anziché accedere agli hub cittadini come previsto, hanno riversato i viaggiatori nelle stazioni limitrofe e soprattutto di migliaia di giovani che nel pomeriggio sono arrivati a Treviso per una sorta di “Ombralonga”.

“Siamo perfettamente consapevoli e dispiaciuti dei gravi disagi vissuti sabato da molti viaggiatori, e ci scusiamo se non siamo riusciti a risolvere alcune situazioni”.

 

Commenta questo articolo


Loading...
vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.917

Anno XXXVI n° 13 / Giovedì 6 luglio 2017

LICENZIATO!

La spy-story (con drammatico finale) di Augustin Breda. Ex operaio Electrolux

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×