22/02/2017coperto

23/02/2017pioviggine

24/02/2017pioggia debole

22 febbraio 2017

Capodanno: smog da botti e fuochi in agguato, 'avvelena' il respiro.

Milano, 29 dic. (AdnKronos Salute) - Polveri sottili, insieme a stronzio, bario, rame, alluminio, titanio e ferro. L'aria della notte di Capodanno è un 'cocktail esplosivo' che rischia di avvelenare il respiro. "Anziani e bambini, oltre a chi è affetto da patologie di tipo respiratorio come l'asma, dovrebbero evitare di respirare il fumo dei botti, soprattutto se insieme sono presenti anche fuochi colorati". A mettere in guardia i nasi italiani in vista del Veglione è Antonio Voza, responsabile di Pronto soccorso all'Irccs Istituto clinico Humanitas di Rozzano, Milano.

"I fuochi d'artificio o i cosiddetti razzi possono provocare problemi alla respirazione, se inalati - spiega il medico su 'Humanitas Salute' - a causa del fumo saturo di microscopiche particelle di metalli polverizzati con cui si preparano i botti colorati". Innanzitutto, sottolinea, "gli spettacoli con i botti di Capodanno inducono un aumento vertiginoso delle polveri sottili nell'aria, che superano abbondantemente il valore limite tollerato". E "le sostanze così rilasciate nell'aria, che diventa densa e talvolta irrespirabile anche per chi non soffre di patologie respiratorie - ammonisce Voza - aumentano la concentrazione di polveri metalliche che possono provocare irritazione delle alte vie respiratorie, indurre crisi asmatiche in chi soffre di asma, e difficoltà respiratorie in anziani e bambini".

Ecco perché, "anche se gli effetti di saturazione dell'aria dovuti alle polveri dei metalli si riscontrano a circa 20 minuti dall'esplosione", a chi non intende rinunciare agli spettacoli pirotecnici per dire addio al 2016 e salutare il 2017 il medico consiglia di "coprire bocca e naso con una semplice sciarpa o un fazzoletto, ed evitare di esporsi al 'fumo di Capodanno' per tempi prolungati".

 



AdnKronos

Commenta questo articolo



vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Otto casi di meningite nella provincia di Treviso. Sei preoccupato?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.907

Anno XXXVI n° 3 / 16 febbraio 2017

CARLO E COSETTA: UNA VITA CHE E' (QUASI) POESIA

Zarlatàn (de Zèneda) e (quasi) poeta. Carlo se la ride sotto i versi. Nonostante la...censura. Ha iniziato a scrivere versi per “salvarsi”. Ma anche perché, sin da bambino, provava una simpatia particolare per la poesia, che riusciva a imparare a memoria senza fatica. Col tempo, Carlo Piasentin ha fatto di un impulso giocoso una passione fondamentale. Eppure, in casa, ha sempre avuto un giudice severissimo: la moglie Cosetta. Che - ma questa è pura chiacchiera da salotto - lo ha sposato...per allegria

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×