23/06/2017sereno con veli

24/06/2017sereno

25/06/2017possibile temporale

23 giugno 2017

Benessere

Capodanno: smog da botti e fuochi in agguato, 'avvelena' il respiro.

AdnKronos | commenti |

Milano, 29 dic. (AdnKronos Salute) - Polveri sottili, insieme a stronzio, bario, rame, alluminio, titanio e ferro. L'aria della notte di Capodanno è un 'cocktail esplosivo' che rischia di avvelenare il respiro. "Anziani e bambini, oltre a chi è affetto da patologie di tipo respiratorio come l'asma, dovrebbero evitare di respirare il fumo dei botti, soprattutto se insieme sono presenti anche fuochi colorati". A mettere in guardia i nasi italiani in vista del Veglione è Antonio Voza, responsabile di Pronto soccorso all'Irccs Istituto clinico Humanitas di Rozzano, Milano.

"I fuochi d'artificio o i cosiddetti razzi possono provocare problemi alla respirazione, se inalati - spiega il medico su 'Humanitas Salute' - a causa del fumo saturo di microscopiche particelle di metalli polverizzati con cui si preparano i botti colorati". Innanzitutto, sottolinea, "gli spettacoli con i botti di Capodanno inducono un aumento vertiginoso delle polveri sottili nell'aria, che superano abbondantemente il valore limite tollerato". E "le sostanze così rilasciate nell'aria, che diventa densa e talvolta irrespirabile anche per chi non soffre di patologie respiratorie - ammonisce Voza - aumentano la concentrazione di polveri metalliche che possono provocare irritazione delle alte vie respiratorie, indurre crisi asmatiche in chi soffre di asma, e difficoltà respiratorie in anziani e bambini".

Ecco perché, "anche se gli effetti di saturazione dell'aria dovuti alle polveri dei metalli si riscontrano a circa 20 minuti dall'esplosione", a chi non intende rinunciare agli spettacoli pirotecnici per dire addio al 2016 e salutare il 2017 il medico consiglia di "coprire bocca e naso con una semplice sciarpa o un fazzoletto, ed evitare di esporsi al 'fumo di Capodanno' per tempi prolungati".

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


Loading...
vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×