25/05/2018quasi sereno

26/05/2018parz nuvoloso

27/05/2018quasi sereno

25 maggio 2018

Conegliano

Caro sindaco, salvi la galleria

Ascom chiede provvedimenti per il decoro della Galleria dalla Zentil

Roberto Silvestrin | commenti |

CONEGLIANO - Ascom bacchetta ancora una volta il sindaco Floriano Zambon. Questa volta finisce sotto i riflettori il degrado in cui versa la Galleria Dalla Zentil, il passaggio che da corso Vittorio Emanuele conduce in via XX settembre, proprio alle porte del Duomo.

 

“Non ci stiamo lamentando della situazione degli esercizi commerciali di via XX Settembre, ma del decoro e della pulizia di una galleria che è un luogo della collettività” si legge nella lettera - indirizzata al primo cittadino - che reca la firma dal presidente Luca Ros e dal segretario Gigino Longo.

 

E pensare, lo ricordano gli stessi rappresentanti dell’Ascom, che la Galleria era uno dei luoghi che dovevano essere valorizzati, secondo il protocollo d’Intesa del 2005. Ros e Longo non possono invece far altro che constatare, ad oggi, “lo stato di totale abbandono di questa Galleria”.

 

“Mentre le scriviamo, in Galleria dalla Zentil è rimasta aperta un’unica attività, che non solo sta cercando di salvaguardare il proprio futuro, ma che sta facendo, con senso civico e di responsabilità, un servizio di pulizia per rendere accogliente e vivibile (sono eufemismi) questo spazio” si legge nella missiva. Pavimento, vetrate dei negozi (sfitti) e soffitto versano infatti in condizioni pessime.

 

“Le chiediamo di intervenire urgentemente per mettere in condizioni decenti la Galleria e di valutare anche l’adozione di provvedimenti sindacali per salvaguardare questo spazio”. Firmato Ascom Conegliano.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Conegliano

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.936

Anno XXXVII n° 10 / 24 maggio 2018

VI RACCONTO UNA FAVOLA. LA MIA

La strada verso Iasi. Abbandonata alla nascita in Romania, Georgiana viene adottata a 7 anni da un imprenditore di Vittorio Veneto e dalla moglie. Poi il padre muore, e lei parte alla ricerca delle sue origini…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×