14 novembre 2019

Oderzo Motta

La caserma dei vigili del fuoco sarà spostata?

La proposta arriva dal sindaco di Motta Alessandro Righi che segnala un'alternativa all'attuale sede di via Lepido Rocco

commenti |

commenti |

MOTTA DI LIVENZA - Una nuova area per trasferire la caserma dei Vigili del Fuoco di Motta? Si è dibattuto molto in questi giorni del trasferimento del servizio dall’attuale sede di via Lepido Rocco a Motta. La destinazione potrebbe essere l’ex Caserma Zanusso di Oderzo quando, l’anno prossimo, non sarà più un centro di accoglienza per richiedenti asilo.

 

Ma giovedì della scorsa settimana il sindaco Alessandro Righi ha segnalato che l'amministrazione comunale ha destinato un nuovo terreno da destinare alla costruzione di una nuova sede. E segnala come la soluzione della Zanusso, secondo lui, non sia quella più indicata: "Dal  punto di vista tecnico- logistico - ha detto ieri - è difficile ritenere la caserma Zanusso  la soluzione ottimale per il territorio Opitergino Mottense. Faccio notare i problemi alla viabilità, dovuta tra l’altro a rotatorie di piccole dimensioni e alla  presenza del sottopasso ferroviario, a rischio allagamento in caso di forti temporali. Un dettaglio che comporterebbe l’allungamento dei tempi di percorrenza per arrivare non solo in centro storico, ma anche a Gorgo al Monticano, Motta, Meduna di Livenza e tutti verso i comuni a nord della  linea ferroviaria".

 

"Alla Zanusso i  Vigili del Fuoco si troverebbero insieme ad altre attività, ancora da definire e valutare. Mentre dal punto di vista costruttivo, i costi di  ristrutturazione della porzione assegnata ai Vigili, soprattutto per il necessario adeguamento  sismico, sarebbero  di molto superiori rispetto  alla scelta di costruire ex novo  una caserma moderna, funzionale, più sicura e idonea". "C’è una oggettiva necessità di trasferire l’attuale caserma in un sito più adatto ai tempi. Come amministrazione abbiamo messo in queste ultime ore a disposizione dei Vigili del Fuoco un vasto lotto in zona industriale sud. E segnalo che nella prossima seduta del Consiglio Comunale porteremo in approvazione una variante urbanistica che destinerà ufficialmente la zona a questa funzione".

 

"Perché la zona industriale sud? Perché non è esposta al  rischio idrogeologico, contrariamente alle soluzioni  proposte lungo  la Postumia a Motta,  area classificata dal Piano  d’Assetto Idrogeologico a rischio  di primo e secondo livello. Ed è ottimale  in termini di viabilità, vista la vicinanza  del casello autostradale e  dello svincolo sulla Postumia,  raggiungibili facilmente. La viabilità  ampia e scorrevole consente interventi  rapidi e senza inconvenienti in tutto il  territorio servito".

 

"Zona più centrale dal punto di vista della pericolosità  territoriale, ovvero rispetto  alle zone  di intervento  che, come evidenziano  le statistiche storiche,  richiedono più spesso l’intervento dei Vigili del Fuoco. Siamo certi che una scelta così importante per la sicurezza dei cittadini di tutto il comprensorio opitergino-mottense debba essere basata su logiche di funzionalità logistica ed è in questa direzione che stiamo lavorando".

 

Leggi altre notizie di Oderzo Motta
Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×