23/09/2017variabile

24/09/2017temporale e schiarite

25/09/2017quasi sereno

23 settembre 2017

Treviso

Caso finti vaccini, inviate le lettere per le giornate straordinarie di vaccinazione

L'Usl2 ha contatto circa 500 pazienti per completare le vaccinazioni il 24-28 aprile e 2- 6 maggio

commenti |

TREVISO - La direzione dell’azienda Ulss 2 Marca Trevigiana informa che è stata completata la spedizione delle lettere ai cittadini invitati alle giornate vaccinali straordinarie, mirate per varie patologie, previste nei giorni 24 e 28  aprile, 2 e 6 maggio prossimi. Il piano di intervento della direzione sanitaria e del dipartimento di igiene pubblica è stato organizzato per dare la possibilità di completare correttamente le vaccinazioni in seguito a possibili irregolarità nella condotta di un’assistente sanitaria in servizio presso il Servizio Igiene, Sanità Pubblica e Medicina di Comunità di Treviso, durante alcune sedute per la somministrazione di vaccini.

La comunicazione sarà inviata solo ai cittadini coinvolti e si prevede che entro la settimana prossima tutti l’avranno ricevuta. Per tutti gli altri non è necessaria alcuna comunicazione, ricordando che sono interessati solo coloro che si sono sottoposti a vaccinazione da parte dell’assistente sanitaria sotto provvedimento disciplinare, nel periodo tra il 25 gennaio e l’8 giugno 2016.

Per qualsiasi informazione, le persone coinvolte possono rivolgersi al seguente numero telefonico: 0422 323866 (punto unico vaccinazioni) dalle 8.30 alle 14.00 dal lunedì al venerdì o all’indirizzo mail: puntounicovaccinazioni@aulss2.veneto.it

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×