19/04/2018sereno

20/04/2018sereno

21/04/2018quasi sereno

19 aprile 2018

Italia

CAso Moro: "Esiste una intercettazione fra terroristi mai diffusa"

commenti |

Esiste un "documento inedito mai diffuso", una "trascrizione di una intercettazione ambientale del dialogo fra due detenuti di cui uno di alto livello terroristico" avvenuta "in un carcere di massima sicurezza" che potrebbe "fare luce su altri misteri" legati al sequestro e all'uccisione del presidente della Dc, Aldo Moro. Lo rivela in esclusiva all'ADNKRONOS l'avvocato Luigi Li Gotti che ha rappresentato i familiari dell'appuntato Domenico Ricci e del maresciallo Oreste Leonardi, uomini della scorta di Moro assassinati dalle BR nell'agguato di Via Fani del 16 marzo 1978, cui seguì il sequestro dello statista e poi la sua uccisione.

Secondo quanto riferito dal legale Luigi Li Gotti, che è stato Sottosegretario alla Giustizia nel secondo governo Prodi, non esisterebbe però "solo il documento di trascrizione dell'intercettazione ma, come dice, "esisterebbe il nastro della registrazione di questa intercettazione" che potrebbe essere ancora custodito in qualche cassetto "del ministero dell'Interno". "Nel processo Moro quater - racconta il legale - arrivarono dalla Presidenza del Consiglio tantissimi documenti, casse di documenti che mi andai a guardare e trovai, fra questi, che nel 1979 erano stati trasmessi alle varie autorità documenti particolari che riguardavano la trascrizione di una intercettazione ambientale fatta in un carcere di massima sicurezza e relativa alla conversazione fra due detenuti".

"Appresi, e apprendemmo, quando vidi questa documentazione, che l'autorità giudiziaria - sostiene ancora Li Gotti - avuta cognizione di tale documentazione la restituì al mittente dicendo che, trattandosi di persone ignote - gli intercettati -, non potevano fare ingresso nel processo, essere cioè messi come elemento di prova. Per cui si disse di individuare i nomi degli intercettati e poi di rimandare il documento completo". Ma, chiarisce Li Gotti, "da quel momento non arrivò più nulla e solo nel 1990 venne fuori questo carteggio e presi conoscenza di questa trascrizione che riguardava il sequestro ed il trattamento che aveva Moro durante la prigionia".

Sempre secondo quanto riferisce Li Gotti, "per i servizi segreti, ed era il Cesis, il Comitato esecutivo per i servizi di informazione e di sicurezza che relaziona, si tratta di una conversazione tra due detenuti uno dei quali ritenuto di alto livello terroristico, ne fanno una trascrizione e, per quanto ci fossero delle difficoltà di captazione, ovvero non tutti i discorsi si riuscivano a cogliere, i fatti che risultano dalla registrazione ambientale sono di rilievo e sono elencati".

Il legale puntualizza che "nella relazione si citano alcuni nomi che però non hanno molto rilievo per le indagini perché si riferiscono a terroristi già in stato di detenzione" ma "la cosa importante che si dice nella conversazione, e che nella relazione viene messa in rilievo, è che l'intera operazione è stata messa in atto dalla colonna romana delle Br e solo in un secondo tempo sono subentrati altri compagni che hanno ancora tutti gli originali ed i nastri dell'interrogatorio dell'onorevole Moro".

"La conversazione fra i due detenuti ha molti omissis, ci sono rumori di fondo quindi non tutto è comprensibile, ma forse - dice Li Gotti - la registrazione con le tecniche attuali, migliori di quelle esistenti nel 1979, potrebbe essere migliorata, si potrebbero enucleare i rumori e comprendere meglio la parte 'politica' della conversazione poco chiara".

"MORO IN PRIGIONIA MAI TORTURATO" - Nella sua prigionia Aldo Moro "fu trattato bene, non è mai stato torturato fisicamente, non gli sono mai state messe le mani addosso, non gli è mai stato torto un capello" riferisce in esclusiva all'ADNKRONOS l'avvocato Luigi Li Gotti estrapolando parte di quanto è contenuto nel documento inedito.

Il legale riferisce ancora che nel documento in cui è trascritta l'intercettazione emerge che, durante la prigionia, "Moro otteneva tutto quello che di cui aveva bisogno, si lavava anche quattro volte, mangiava bene, si faceva la doccia, scriveva". "E' stato trattato come un signore" riferisce ancora l'ex Sottosegretario alla Giustizia nel secondo governo Prodi.

Inoltre, durante la sua prigionia nelle mani delle Brigate Rosse, Aldo Moro "si è comportato con estrema dignità davanti ai suoi carcerieri, non si è fatto vincere, non si è fatto prendere dal panico, non è stato zitto". Li Gotti dice che dal documento "risulta che Moro abbia meditato a lungo le risposte dell'interrogatorio". "Per esempio ci mette un'ora per rispondere" riferisce ancora il legale.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.933

Anno XXXVII n° 7 / 12 aprile 2018

DI CORSA!

Attenzione: può causare dipendenza. Chi inizia a correre non si ferma. Parola di runner

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×