22/11/2017parz nuvoloso

23/11/2017nuvoloso

24/11/2017parz nuvoloso

22 novembre 2017

Cronaca

Caso Yara, lettera choc di Bossetti: "La faccio finita"

commenti |

“Mamma e Laura io so che la farò finita qui dentro, perché non posso accettare tutto quello che ho combinato a Marita e me lo merito davvero per quello che ho fatto”. E' quanto scrive Massimo Bossetti, a processo per l'omicidio di Yara Gambirasio, in una lettera indirizzata alla madre e alla sorella che il settimanale 'Oggi' pubblica in esclusiva nel numero in edicola e sul sito web. Il muratore bergamasco si riferisce alla corrispondenza hot con la detenuta-ammiratrice Gina entrata nel processo tra le nuove prove documentali.

“Mamma e Laura - continua Bossetti - io ho rovinato completamente la vita di Marita e dei miei figli e non riesco a darmi pace per tutto quello che ho fatto. Ho sbagliato tutto nella vita e ora rimedierò tutto con la mia vita… me lo sono meritato e ora pagherò con la vita perché non ci dormo con quello che a lei ho fatto, ho sbagliato completamente tutto…".

"Non ce la faccio più a vivere in questo stato, sono stanco di sopportare tutte le sofferenze ingiuste… la mia vita è mia e la gestisco come voglio… sto continuando nel combattere per i figli ma - sottolinea Bossetti nelle 7 pagine che 'Oggi' pubblica - non so fino a quanto ci riuscirò… La mia situazione familiare l’ho compromessa, ho combinato tutto un casino per una detenuta che neppure conosco e mai vista, quando a me Marita fino a oggi è sempre stata vicina… Capite come questo inferno ti può rovinare su tutto… Questa vita è un inferno e credo che non abbia più un valore per me per cui qualunque cosa a me potrà capitare non voglio che voi ne risentiate ma credetemi - conclude Bossetti - che starò meglio di dove ora mi trovo…".

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.925

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×