19/08/2018sereno con veli

20/08/2018sereno

21/08/2018quasi sereno

19 agosto 2018

Castelfranco

Castelfranco, uno spazio per il cicloturismo all’ex Dopolavoro Ferroviario

Inaugura domenica in via Melchiori “Ocioo - servizi per le Tribù delle biciclette”

commenti |

Bicicletta

CASTELFRANCO - È in calendario per domenica 26 novembre alle ore 11.00 l’inaugurazione della cooperativa “Ocioo - servizi per le Tribù delle biciclette”, con sede a Castelfranco Veneto, via Melchiori, 12.

“L’obiettivo di Ocioo è quello di realizzare un hub di servizi innovativi per il turismo e cicloturismo, attraverso attività di promozione della mobilità sostenibile, organizzazione e gestione di viaggi e manifestazioni finalizzati alla fruizione turistico-culturale, nonché servizi per l’accoglienza turistica”, viene spiegato da Legacoop Veneto, che per il taglio del nastro avrà come proprio rappresentante Emilia Carlucci, vicepresidente regionale.

 

Nato da un’idea progettuale di due anni fa, Ocioo ha vinto nel 2016 il premio “Fornace Seeds” indetto dalla Fornace di Asolo. Si è poi aggiudicato il finanziamento della Ragione Veneto nell’ambito del bando 2016 per il Turismo Innovativo e, infine, ha goduto del supporto di Banca Etica, che ha riconosciuto nel progetto alcuni dei suoi valori fondanti. Inoltre, ha avuto in concessione da RFI lo stabile dell’Ex Dopolavoro Ferroviario di Castelfranco Veneto, ubicato a pochi metri dalla Stazione FS della città.

 

“Ocioo diventerà il nuovo polo castellano di riferimento per quanti fanno della bicicletta un vero e proprio “stile di vita”: abbigliamento, accessoristica per la sicurezza, bike studio, noleggio biciclette, consulenza per cicloturismo e per i cicloviaggiatori – viene spiegato ancora - Inoltre, un bikecafè & bistrot con ristorazione tradizionale e take away per pendolari e cicloescursionisti”.

 

Leggi altre notizie di Castelfranco

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×