23/11/2017coperto

24/11/2017foschia

25/11/2017pioggia

23 novembre 2017

Sport

Catastrofe azzurra, Ventura: "Chiedo scusa".

Mondiali

Altri Sport

Roma, 14 nov. (AdnKronos) - "Chiedo scusa agli italiani. L'eliminazione è un risultato pesantissimo". Gian Piero Ventura formalmente è ancora il ct della Nazionale dopo il fallimentare spareggio con la Svezia che ha impedito all'Italia di qualificarsi per i Mondiali di Russia 2018. Lo 0-0 di Milano, dopo la sconfitta per 1-0 incassata venerdì scorso a Solna, ha condannato gli azzurri. E segnato con ogni probabilità il destino del commissario tecnico.

Il clamoroso flop offre alla Figc l'assist per interrompere il rapporto che, secondo i programmi iniziali, avrebbe potuto arrivare fino al 2020. A caldo, Ventura non ha formalizzato le dimissioni che, nella pancia di San Siro, parevano imminenti. "Parlerò con il presidente federale. Parlerò e ascolterò. E qualsiasi decisione sarà presa, sarà accettata", dice. Difficile abbozzare un'analisi approfondita del fallimento sportivo: "Ci sarebbero tante cose da dire, ma stasera conta il risultato".

E, si sa, quando i risultati non arrivano, "la responsabilità è dell'allenatore". "Sono orgoglioso di aver fatto parte di questo gruppo azzurro - dice facendo riferimento ad un'avventura virtualmente conclusa -. Sono orgoglioso di aver lavorato con grandi campioni e con giovani a cui auguro di diventare tali". Difficile dimenticare la straordinaria cornice di San Siro e, parallelamente, la delusione di tanti tifosi. "Chiedo scusa agli italiani per il risultato. Ma non per l'impegno: quello non è mancato".

 

Commenta questo articolo


Le società Sportive

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.925

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×