21 novembre 2019

Conegliano

Centinaia di colpi grossi a NordEst: base logistica a Conegliano e Treviso

Arrestati due residenti a Conegliano e un terzo uomo senza fissa dimora

commenti |

commenti |

CONEGLIANO/TREVISO - L'indagine che ha portato all'arresto nella notte dei tre malviventi è scattata da un furto aggravato in abitazione perpetrato nel centro di Pordenone la sera del 27 dicembre scorso: in quell'occasione era stato asportato un armadio blindato che custodiva monili in oro per un valore di 30 mila euro, ma anche un revolver Smith e Wesson calibro 38, una pistola semiautomatica Browning calibro 33, e tre fucili.

 

L'acquisizione del traffico telefonico della zona ha permesso di accertare la presenza di tre utenze che si contattavano tra loro negli istanti del furto. I tre numeri, acquistati a ottobre in provincia di Milano e intestati a persone inesistenti, risultavano essere presenti in concomitanza con altri furti in abitazione, perpetrati dal mese di novembre nelle province di Pordenone e Treviso.

 

La base logistica era in due appartamenti di Conegliano e Treviso, luoghi dove, materialmente, utilizzando dei flessibili, i tre ladri scardinavano i forzieri sottratti dalle case, impossessandosi del contenuto. Tra i reati più significativi c'è quello del 21 gennaio a Sacile, con sottrazione della cassaforte contenente 40 mila euro di preziosi, una pistola semiautomatica Sig Sauer calibro 45 e una pistola semiautomatica Walther calibro 9 x 21, con relativi caricatori e circa 200 cartucce.

 

"Dal contesto investigativo - ha ricordato stamani, in conferenza stampa, il Questore di Pordenone Marco Odorisio - è emerso come tali armi fossero rimaste nella disponibilità del terzetto, determinato a utilizzarle, se necessario, durante le intrusioni nelle abitazioni". Il provvedimento di custodia cautelare in carcere eseguito oggi riguarda un 26enne (rintracciato in un appartamento a Milano), un 34enne, entrambi gravati da precedenti specifici e residenti a Conegliano, e un 26enne, in Italia senza fissa dimora, anch'egli pregiudicato: è stato bloccato in un appartamento di Treviso.

 

Nel corso delle perquisizioni odierne, a ulteriore riscontro dell'attività predatoria, sono stati rinvenuti gioielli, somme di denaro contante, un flessibile per scardinare le casseforti e altro materiale di interesse investigativo. I tre arrestati sono stati trasferiti nella Casa circondariale di Pordenone, in regime di isolamento.

 

Leggi altre notizie di Conegliano
Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×