16 settembre 2019

Vittorio Veneto

LA CHANSON DE SCOTTA'

L'ex sindaco di Vittorio Veneto è cavaliere

Emanuela Da Ros | commenti | (43) |

C'è un'espressione idiomatica veneta che suona più o meno così: "No so a che santo votarme". La stessa spressione (è bene sottolinarlo) si trova anche in italiano corrente, ma detta in vernacolo è più efficace, incisiva.

Perché l'abbiamo ripescata? perché l'ex sindaco di Vittorio Veneto, nonché europarlamentare, Giancarlo Scottà, ce l'ha proprio ispirata. Dopo aver saputo di essere diventato Cavaliere dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (quella che che va dall'Alpi all'Etna, da Nuoro all'Aquila), Scottà ha detto: "Non so chi ringraziare". Parole importanti, a cui ha aggiunto: "Una sorpresa, non me lo aspettavo nemmeno lontanamente ma sono evidentemente onorato".

La sorpresa, a Scottà, pare sia arrivata lunedì mattina. Con la posta. L'ex sindao ha aperto la raccomandata arrivata dalla Prefettura di Treviso e ci ha trovato la comunicazione che il presidente della Repubblica, con decreto del 27 dicembre 2009, ha conferito a Scottà l'onorificenza di Cavaliere dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana. "E' il primo riconoscimento ufficiale che ricevo da quando ho iniziato l'attività politica, - ha detto Scottà - vuol dire che non ho fatto tanto male".

 

 



foto dell'autore

Emanuela Da Ros

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Sorprende, poichè ci si chiede, quale merito?

segnala commento inopportuno

...bene! dopo il postino cavaliere..."il genio".!! Pore Italia!

segnala commento inopportuno

Lei pensa di avere meriti maggiori ?
Intanto abbia il buon senso di firmarsi con tanto di indirizzo
Mi sà tanto invece che il suo commento odori d'invidia.
Gino Carpenè - via Perucchina 8 - Vittorio Veneto

segnala commento inopportuno

Questo dimostra una solo cosa. Il Presidente della Repubblica non conosce l'ex sindaco di Vittorio

segnala commento inopportuno

probabilmente non lo conosce bene neanche chi lo ha sponsorizzato!!

segnala commento inopportuno

Per curiosità: ma i meriti quali sarebbero?

E' talmente meravigliato che probabilmente non l'ha capito nemmeno lui...
:D

segnala commento inopportuno

Non capisco più nulla .... la lega non riconosce l'Italia, sopporta a malapena il presidente della Repubblica, rinnega la bandiera e ora scottà si dichiara onorato di ricevere un riconoscimento dalla Repubblica Italiana ?????
Per coerenza avrebbe dovuto rispedirlo al mittente ma si sa l'omo è omo e co l'è ora de portar casa chelcosa va ben tut.

segnala commento inopportuno

Chissa' se per caso fa parte del pacchetto travaso voti a quello di Cappella Maggiore?

segnala commento inopportuno

dopo tutto se tale onorificenza l'hanno data a Callisto Tanzi, Cragnotti, Previti, Dell'Utri e compagnia cantando, non vedo cosa ci sia di tanto strano a darla a Scottà.
Tra i citati mi sembra quello che la merita di più.
Belle compagnia, io non me ne fregerei fossi in lui.

segnala commento inopportuno

Sarà il ringraziamento per le soluzioni adottate in merito al traffico Vittoriese????

segnala commento inopportuno

Sulle modifiche al traffico Scottà non c'entra. E' stato Braido...e ha fatto bene.

segnala commento inopportuno

E penso molti altri . Proverbio : " chi meno fa più fa

segnala commento inopportuno

Denegratori anti scottaniani e antileghisti, adesso scatenatevi !

segnala commento inopportuno

Ma da qualche parte si possono leggere le motivazioni di tanta onorificenza? o la formula è standard? Un vittoriese disincantato.

segnala commento inopportuno

Cito Wikipedia: l'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (spesso abbreviato OMRI) è il più alto degli ordini della Repubblica Italiana e viene concesso per «ricompensare benemerenze acquisite verso la Nazione nel campo delle lettere, delle arti, dell’economia e nel disimpegno di pubbliche cariche e di attività svolte a fini sociali, filantropici e umanitari, nonché per lunghi e segnalati servizi nelle carriere civili e militari».

Mah.... Ho in mente un sacco di nomi di Vittoriesi che avrebbero meritato tale onoreficienza....ma proprio Scottà...


segnala commento inopportuno

Da quando ho tacato a parlare italiano non sono più buono di fare di manco. E dopo questa deme al nobel par la leteratura che me lo merite.

segnala commento inopportuno

Se Scottà senza meriti ha avuto il cavalierato allora al "combattente" Bastanzetti andrà il titolo di Commendatore della Repubblica e potrà fregiarsi delle insegne stabilite per questo grado !!!

Mentre Scottà farebbe bene a ricordare che dal 1951 ogni anno fanno 2500 cavalieri, tra i quali ci sono stati Callisto Tanzi e Previti, inoltre incorre nella perdita dell'onorificenza l'insignito che se ne renda indegno.

segnala commento inopportuno

Ebbene sì, non fosse altro per il suo impegno (giusto o sbagliato - come la penso io - che sia), per la prima soluzione, considerato che ci guadagna in popolarità anche negativa (ma ha molti sostenitori). E' un giusto riconoscimento per una battaglia condotta in modo quasi sempre civile. Per la seconda Dotor c'è bisogno di ben altro aiuto e non terreno.

segnala commento inopportuno

Per me non è altro che uno scherzo di Carnevale ben congegnato, che altro sennò?

Se il personaggio stesso è incredulo dell'onorificenza conferitagli e se fosse corretto sarebbe un bel gesto se la respingesse.

Ai giornalisti invece suggerisco, se possibile, di richiedere di visionare gli "atti istruttori giustificativi".

Inserisco, tratto dal sito del Ministero dell'interno indicazioni sull'iter della nomina e i riferimenti legislativi.

1. ORDINE CAVALLERESCO “AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA”
L’Ordine è il primo degli ordini cavallereschi nazionali; l’Ordine comprende cinque classi:
• Cavaliere di Gran Croce;
• Grande Ufficiale;
• Commendatore;
• Ufficiale;
• Cavaliere.
Per premiare altissime benemerenze di uomini eminenti, italiani e stranieri, al Cavaliere di Gran Croce può essere conferita eccezionalmente la decorazione di ”GranCordone”.
Il Presidente della Repubblica è il Capo dell’Ordine cavalleresco al Merito della Repubblica Italiana
Chi può fare la richiesta: Possono ottenere le onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana tutti i cittadini italiani e stranieri, che abbiano almeno 35 anni di età e che abbiano acquisito benemerenze verso la Nazione nel campo delle scienze, delle lettere, delle arti, dell’economia e del disimpegno di pubbliche cariche e di attività svolte a fini sociali, filantropici ed umanitari, nonché per lunghi e segnalati servizi nelle carriere civili e militari.
Le onorificenze al Merito della Repubblica Italiana possono essere conferite solo a persone viventi
Cosa fare: Le segnalazioni individuali per il conferimento devono essere inviate, corredate degli atti istruttori giustificativi, da ciascun Ministero per le persone individuate come benemerite nel campo di attività di rispettiva competenza, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri- Dipartimento del Cerimoniale di Stato, entro il mese di febbraio di ogni anno.
Le segnalazioni per onorificenza a stranieri o a cittadini residenti all’estero debbono essere trasmesse alla Presidenza del Consiglio per il tramite del Ministero degli Affari Esteri. Il Presidente del Consiglio dei Ministri trasmette al cancelliere dell’Ordine le segnalazioni cui intende dar corso e predispone le proposte da sottoporre alla approvazione del Presidente della Repubblica.
In ambito provinciale le segnalazioni vanno indirizzate alla Prefettura del luogo di residenza del cittadino che si intende segnalare.
Riferimentinormativi:
Legge 3 marzo 1951, n.178;
• D.P.R. 13maggio 1952, n.458;
• D.P.R. 31 ottobre 1952;
• D.P.R. 30 marzo 2001, n. 173.

segnala commento inopportuno

Ti ringrazio del pensiero Teodora ma, veramente, punto alla beatificazione... Colgo l'occasione per inviare le mie vivissime felicitazioni al Neocavaliere On. Giancarlo Scottà. A prescindere. Michele Bastanzetti
P.S.: Giancarlo, con tutte 'ste cariche mica ti monterai la testa adesso?

segnala commento inopportuno

Cari signori che avete lasciato il vostro messaggio di dissenso, VERGOGNATEVI !!!!!

certo Scottà non brilla per simpatia, ma intanto lui ce l'ha fatta e voi .... a fare la maglia!!

Sono felice x lui e anche x la nostra Vittorio Veneto!!

Vittoriesi guardate avanti e imparate da chi vi sta intorno ...basta andare a Conegliano, pochi avrebbero fatto commenti ottusi .... !!!

E' anche vero che tolto il sottoscritto e pochi altri, tutto il resto è cozzaglia sinistrorsa, ottusa, e quanto di peggio possa venire in mente!!!


Cordilamente willy

segnala commento inopportuno

Meno male che Willy c'è!!!!!!!

La tua mamma.

segnala commento inopportuno

Signora, se lo lasci dire, era meglio se quella sera andava al cinema,ci guadagnava tutto il pianeta.

segnala commento inopportuno

Siete piccoli e denigratori, siete sempre e solo voi, alle urne sono 10 anni che si nota. Ma cambiare un po' strategia mai? La vostra è solo perdente, non l'avete mica capito? Voi seguite Bastanzetti e andrete lontano, ma al massimo sul monte Altar no a Bruxelles

segnala commento inopportuno

DICONO che la Commissione debba fare TANTA FATICA A TROVARE I 25.000 CAVALIERI CHE OGNI ANNO VENGONO NOMINATI, cercano fra tutte le categorie: IMPIEGATI-SINDACALISTI-COMMERCIANTI-ARTIGIANI-Ortofrutticoltori-Vivaisti-MAESTRE-SARTI-GROSSISTI-ex SINDACI-Benzinai ecc., capita che per trovare il 25.000mo a volte debbano raschiare il fondo ...!

segnala commento inopportuno

caro willy, quelli di Conegliano non sono fortunati ad avere un simile personaggio e quindi non si possono divertire come facciamo noi!
giuseppe

segnala commento inopportuno

Ho letto che per avere il cavalierato basta pagare, salato, e ci sono organizzazioni attrezzate che fanno tutto loro.
Vuoi vedere che magari....

segnala commento inopportuno

Beh, lo stipendio preso a sbafo dal consiglio provinciale doveva pur spenderlo in qualche maniera, no?

segnala commento inopportuno

Domanda al tuo amico Luca De Marco che stipendio prende da consigliere provinciale, oppure a qualche altro di tua conoscenza. Sono irritanti i commenti di chi non sa e vol saver, d'altra parte il proverbio dice "al mona sa tut..."

segnala commento inopportuno

Caro Anonimo padanoceltico, ti assicuro che l'aria del Monte Altare è assai più salutare di quella di Bruxelles. Un' altra grossa differenza è che il Monte Altare è pieno di serpentacci mentre Bruxelles è pieno di parassiti!Michele Bastanzetti

segnala commento inopportuno


Non offendiamo: l'informazione è quello che crede la gente. La verità non è assoluta, esistono per uno stesso fatto più punti di osservazione, più analisi, più interpretazioni. La verità è discussione, è molteplice, è un percorso. La menzogna, invece, è assoluta. Trae forza da sé stessa, dalla sua ripetizione, dal suo boato su più giornali. Mi sembra il caso di molti vittoriesi di nostra conoscenza. La gente vuole fatti, e tu non li dai.

segnala commento inopportuno

A Bastà non tocchiamo questo tasto. E' vero che il monte Altare è pieno di serpentacci, ma impagliati, qualcuno anche nel cervello. I parassiti hanno contribuito tutti a farli nascere, dalla tua generazione in giù. Eliminarli tutti potrebbe ora solo hamadinejab (che sarebbe meglio di no) invece toca tenerseli caro, con tutti i privilegi e tutte le prebende volute da tutto l'arco costituzionale europeo e italiano.

segnala commento inopportuno

Suggerisco alla redazione di Oggi Treviso di fare una bella ricerca-inchiesta per capire l'origine ed il percorso fatto per arrivare a questa onoreficenza. Forse si chiariranno molte cose. Forza giornalisti, datevi da fare.

segnala commento inopportuno

Certo che questo Scottà continua a provocare disturbi e pure invidie. Circa il percorso per ottenere l'onorificenza non credo sia stato una cosa eccezionale rispetto agli altri. Consolatevi l'Italia piena i cavalieri della Repubblica. In tempi recenti a Vittorio Veneto ne sono stati insigniti il buon Lorenzo Manzoni detto anche l'argentino e Claudio Foffano allenatore del calcio Salsa ma nessuno ha invocato il processo dei perchè come con Scottà che in barba ai suoi denigratori dopo 10 anni da sindaco, adesso se ne fa altri cinque da deputato europeo e all'occhiello poterà per tutta la vita il simbolo del cavalierato. D'ora in poi quando si farà qualche "vasca" lungo viale della Vittoria saranno in molti a salutarlo così: "Buongiorno cavaliere."

segnala commento inopportuno

Pare che Scottà abbia avuto la nomination da un politico che sta molto, molto in alto che evidentemente se ne frega di come la pensano i vittoriesi non leghisti.

segnala commento inopportuno

Esatto! Forse molto più obiettivo di te. E poi un cavalierato di questi tempi non si nega a nessuno

segnala commento inopportuno

Caro Anonimo amico dei parassiti, spiegami solo una cosa. Ma la Lega non era quella forza rivoluzionaria (rigorosamente antieuropeista)che doveva rinnovare le Istituzioni? lottando contro sperperi, burocrazia, corruzione, partitocrazia,inefficienze,mafie varie, clientelismi,assistenzialismo,centralismo, meridionalismo, nepotismo eccetera? Ti sembra che 15 anni di rivoluzione padanoceltica abbiano migliorato qualcosa? Michele Bastanzetti
P.S.: Sempre meglio i serpenti, dei parassiti!

segnala commento inopportuno

Per capire chi sono i leghisti basta guardare la padania del 1998.
http://www.alain.it/2009/04/15/berlusconi-sei-un-mafioso-rispondi-la-padania-1998/

segnala commento inopportuno

Hei ragazzi, 40 commenti sul (cavalier) Scotta? Va bè che siamo a carnevale. Però, mi pare un tantino esagerato. Lasciamolo esporre le insegne di questa alta onoreficenza: Me lo immagino come il colonnello Gheddafi durante la sua recente visita a Roma. Uno spasso!
Il nostro Giancarlo da esportazione, è convinto di essere stato il miglio sindaco degli ultimi 150 anni, e quindi ha ringraziato e messo via. Lasciamolo stare nel suo brodetto.
Adesso, mi risulta, che non sia molto contento di essere stato spedito a Bruxelles. Perchè ha scoperto, quando era già là, che gli stipendi erano stati tagliati ed uniformati. Tutti a 5.000 euro, più altri benefit per sostenere l'attività (viaggi, portaborse, sedi). Però lo stipendio è stato drasticamente tagliato. Tanto che il nostro onorevole (????????) europeo si e lamentato in più di una occasione dicendo che lui doveva andare a fare il Consigliere Regionale. Che quello era il suo (!!!) posto. Vicino a casa, retribuito il doppio e poi si capisce cosa dicono. Forse gli sta balenando per la testa l'ipotesi che l'abbiano mandato lì in vacanza per toglierselo dai piedi.
Adesso gli hanno dato anche il cavalierato. Lo hanno messo in pensione. Amen.

segnala commento inopportuno

........concordo ma actung! questo vuole tornare a fare il sindaco nel 2014..! e con il culo che si ritrova ci riesce pure...!!!! ve lo dice una che lo conosce bene..........

segnala commento inopportuno

LO SAI ANCHE TROPPO BENE NON FARE IL FURBO COME IL TUO SOLITO

segnala commento inopportuno

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×