15 settembre 2019

Esteri

Chavez non può giurare, il Parlamento gli concede tempo per riprendersi

Carlo De Bastiani | commenti |

CARACAS - Il parlamento venezuelano ha concesso a Hugo Chavez "tutto il tempo di cui avrà bisogno per guarire dalla sua malattia e rientrare in Venezuela". La notizia arriva dopo la conferma da parte del presidente dell'Assemblea Nazionale, Diosdado Cabello, dell'impossibilità per il capo dello stato di presentarsi domani a Caracas per la cerimonia di insediamento. Chavez assumerà dunque l'incarico successivamente, davanti alla Corte Suprema, ha aggiunto - facendo riferimento all'articolo 231 della Costituzione - Cabello, che ha letto un messaggio del vicepresidente Nicolas Maduro.

"Il presidente ha reso noto che in linea con le raccomandazioni del team medico il processo di recupero postoperatorio dovrà protrarsi oltre il 10 gennaio dell'anno in corso, motivo per cui non potrà presentarsi a quella data davanti all'Assemblea nazionale", ha indicato Maduro nel suo messaggio.

Nonostante il rinvio del giuramento, sono attese per domani a Caracas numerose personalità sudamericane a sostegno del presidente ancora ricoverato a Cuba. Il presidente boliviano Evo Morales, l'uruguaiano Jose Mujica, insieme all'haitiano Michel Martelly e alcuni rappresentanti del governo colombiano di Juan Manuel Santos, sono tra quanti si recheranno domani nella capitale venezuelana per manifestare la propria solidarietà a Chavez, eletto per la quarta volta lo scorso ottobre.

Nel frattempo, proseguono le proteste dell'opposizione che accusa il governo di violare la Costituzione, mentre la Conferenza episcopale venezuelana si aggiunge al coro di coloro che vorrebbero un team di medici venezuelani all'Avana per una verifica sullo stato di salute del presidente.

(Adnkronos/Ign)

 



foto dell'autore

Carlo De Bastiani

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×