15 ottobre 2019

Vittorio Veneto

CHE FINE HA FATTO IL CENTRO DI SALUTE MENTALE?

Si ripetono gli appelli di Psiche 2000 all'Ulss7

| commenti |

| commenti |

Vittorio Veneto – Una struttura adeguata e corrispondete alle esigenze dei pazienti psichici.

A Vittorio Veneto se ne sente la mancanza e Psiche 2000, associazione di volontariato per la promozione della salute mentale, chiede all’Ulss7 di occuparsi in modo concreto e risolutivo del problema.

Sono diversi anni che la questione è sul piatto: serve un nuovo Centro di salute mentale idoneo. L’associazione ricorda anche il fondo da 1 milione e 750 mila euro stanziato nove anni fa dalla Regione Veneto proprio a questo fine. Ad oggi non se ne sono visti i frutti.

A novembre sono stati inaugurati il locali riservati al Centro diurno di Salute Mentale in piazza Medaglie d’oro. Uno spazio gestito dalla cooperativa “Insieme si Può”, aperto durante il giorno sei giorni la settimana. Al suo interno si svolgono interventi terapeutici, riabilitativi, risocializzanti. Ma si tratta di spazi ridotti, che non rappresentano una sistemazione soddisfacente.

Anche ad aprile dello scorso anno Psiche 2000 aveva lanciato un appello pubblico al direttore generale dell'Ulss 7, Lino Del Favero, affinché trovasse una sede dignitosa che ospiti il Centro di Salute Mentale. A quanto pare richiami e richieste continuano a ripetersi periodicamente senza ottenere responsi tangibili.

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

immagine della news

09/09/2016

Aprite quella porta

Una passeggiata per promuovere l'accessibilità ai cittadini ai centri di salute mentale

immagine della news

05/09/2013

Dove ti porta il male

Villa Rieti Rota, un centro di riferimento per le malattie psichiche e le gravi dipendenze

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×