18 novembre 2019

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Chef Cracco incorona i ragazzi del Dieffe di Valdobbiadene per i loro “Gnocchi olimpici”

Strepitoso risultato ottenuto degli studenti della scuola di ristorazione di Valdobbiadene, a Cortina

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

immagine dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

VALDOBBIADENE – Grande esultanza tra i ragazzi della scuola alberghiera e di ristorazione Dieffe di Valdobbiadene che hanno vinto la competizione Coop Gourmet di Cortina grazie ad una proposta originale quanto buona, a detta del presidente della giuria Carlo Cracco, gli “Gnocchi olimpici”. Un piatto della tradizione rielaborato in modo creativo, tributando un omaggio ai futuri giochi olimpici di Cortina.

Visibilmente orgogliosi il preside Alberto Raffaelli e la docente Alcide Candiotto che hanno accompagnato gli studenti alla concorso per aspiranti cuochi indetto da Confcooperative. I ragazzi della Dieffe di Valdobbiadene portano così a casa un assegno da 2500 euro, avendo stracciato altri 5 istituti professionali concorrenti. Ma come sono fatti gli Gnocchi olimpici? Gli ingredienti sono: patate, pomodori, spinaci, mirtilli, nero di seppia e zafferano quindi una volta ottenuto l’impasto sono stati realizzati 5 distinti anelli olimpici, vale a dire l’emblema delle competizione sportiva mondiale.

“Gli allievi e i docenti dell’istituto Dieffe di Valdobbiadene ci hanno ormai abituato al profumo dell’alloro: ancora una vota sono arrivati prima, questa volta nella competizione Coop Gourmet di Cortina, con un piatto davvero originale, che abbina due eccellenze del Veneto, cioè le terre Unesco da cui provengono e la candidatura olimpica per i Giochi invernali 2026”. A complimentarsi a distanza con il successo degli allievi e dei docenti della scuola alberghiera e di ristorazione di Valdobbiadene è l’assessore regionale all’Istruzione e alla formazione Elena Donazzan.

“Bravi per fantasia e creatività, oltre che per sapienza culinaria – conclude l’assessore Donazzan – i ragazzi delle colline di Valdobbiadene, terra da poco insignita del marchio Unesco, hanno fatto centro pensando a Cortina 2026. L’istituto di Valdobbiadene è uno dei fiori all’occhiello del mondo della formazione veneta, fatto di scuole e di docenti appassionati, che sanno valorizzare territorialità ed eccellenze locali e trasmettere ai giovani conoscenze e passione per il lavoro, specie in settori ad alta intensità di capacità umane e relazionali, quali sono quelli della ristorazione, del turismo e dell’accoglienza. Settori strategici per la regione più turistica d’Italia”.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×