23/11/2017coperto

24/11/2017foschia

25/11/2017pioggia

23 novembre 2017

Chipilo: il Veneto in Messico

immagine dell'autore

Alberta Bellussi | commenti |

Chipilo: il Veneto in Messico

Sfogliavo il giornale, il giorno dopo il terribile terremoto che ha colpito il Messico e provavo sofferenza a vedere quelle immagini e a leggere di quel disastro. In Messico ci andai molti anni fa perché argomento della mia tesi di laurea e fu subito amore per quella terra, per quella cultura, per quella gente. Tra i vari trafiletti del giornale mi ha colpito la storia del paese di Chipilo, in Messico e devo dire mi sono emozionata. Davvero non lo sapevo che in Messico un paesino parla veneto. Il terremoto non ha perdonato nemmeno questo luogo e spero trovino la forza di rialzarsi… ma volevo parlare di loro… di quei Veneti che nel mondo ci sono andati, si sono alzati le maniche e dati da fare nei paesi lontani che hanno dato loro ospitalità.

La storia di Chipilo, a me curiosa del mondo, è apparsa subito una storia affascinante quasi incredibile. Sospesa tra leggenda e realtà.

Chipilo è un piccolo paese di cinquemila abitanti in Messico. L’America Latina fu meta di molti emigranti trevigiani a fine ottocento. Alla fine dell'Ottocento, per esempio, il Messico concedeva agli immigrati ampi territori da colonizzare. Si andava in Merica che era la terra promessa. Lo Stato Messicano dava a chi s'impegnava a coltivare i terreni, tra i più impervi e inospitali, attrezzi agricoli e bestiame, da riscattare in dieci anni. Era circa il 1880 quando ci fu una grande inondazione del Piave; nel paese di Segusino, in provincia di Treviso, l’alluvione aveva reso i campi incolti e portato molta carestia. In quegli anni di miseria e povertà una cinquantina di famiglie da Segusino decisero di emigrare in Messico. Nello stato di Puebla fondarono la colonia di Chipilo.

I primi coloni trevigiani erano allevatori e si diedero all'industria casearia. Hanno introdotto il formaggio e la “panna Chipilo” che è una marca conosciuta in tutto il paese e usata per i tacos, le enchiladas e i burritos della cucina messicana.

La cosa affascinante è che oggi, dopo 130 anni dal primo insediamento, nella comunità di Chipilo a causa di un particolare fenomeno d'isolamento dal resto del paese, ancora vi sono tradizioni venete e si parla dialetto veneto. Perduta nel centro del Messico e incastrata nella terra azteca, questa Comunità non parla né castigliano né nàhuatl, lingua atzeca; parla, invece, il dialetto del nord-est dell’Italia, cioè il veneto ma non quello che parliamo noi quello dei nostri nonni. E’ la stessa lingua che si erano portati in “valigia” quando erano partiti dall’Italia a cercar fortuna. Mentre il nostro dialetto, però, si è evoluto, la lingua di Chipilo è rimasta attaccata alle vecchie radici. Infatti quando i suoi abitanti si congedano non dicono arrivederci ma dicono ‘se vedon’.

I chipileños non sono veneti solo nella lingua. Molti di loro sono biondi e con gli occhi chiari in una terra ibrida, tutti mangiano polenta e giocano a bocce. C’è un una collinetta nel loro paesaggio che chiamano Monte Grappa, in onore ai caduti italiani nella prima guerra mondiale.

Chipilo appare una realtà particolare quasi una riserva di veneti in terra messicana; un rapporto non sempre facilissimo quello tra i veneti e gli indios perché i veneti locali accusano gli indios d’essere troppo pigri. E’ nel DNA dei Veneti quello di essere operosi e lavoratori e tutti loro affermano di aver insegnato agli indios come si lavora.

Qui i cognomi sono ancora veneti Calzature “Bortolotti”, latteria “Stefanoni”, alimentari “Minutti”: i nomi sono sempre quelli delle 50 famiglie venute qui nel 1882 con qualche straccio e molte speranze. L’interesse per l’Italia si è un po’ spento anche se nel 1982, nel centenario dell'emigrazione, i due paesi, quello di origine: Segusino e quello di arrivo: Chipilo, si sono gemellati. E' allora che è cominciata a emergere questa anomalia linguistica, di messicani che parlano dialetto veneto e hanno mantenuto le secolari tradizioni del loro paese di origine. Il comune di Segusino ha recentemente organizzato anche dei centri estivi per bambini di Chipilo, sponsorizzati da Trevigiani nel mondo. La scrittrice Francesca Cazzaniga che ha sposato un messicano, ha deciso di scrivere la storia di quella gente, che a fine Ottocento abbandonò tutto per l'avventura e che ora si ritrova in Messico a parlare e a sognare in veneto.

E’ un piccolo racconto, quasi romanzesco, di quel popolo veneto che ovunque è andato nel mondo ha lasciato la sua impronta.

Alberta Bellussi



Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.925

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×