10 dicembre 2019

Castelfranco

"Ci saranno nuovi posti di lavoro con la vendita di Villa Emo"

L’avvocato del potenziale acquirente: “Investimenti per implementare afflusso di visitatori, con indotto favorevole per territorio”

commenti |

commenti |

VEDELAGO – “Il mio assistito non ha intenti speculativi, ma si è innamorato di Villa Emo e ha deciso di farla entrare nel patrimonio della propria famiglia con l’intenzione di fare i restauri di cui necessita e di mantenerla visitabile”. Così scrive l’avvocato Piero Reis per conto del potenziale acquirente di Villa Emo a Fanzolo in una lettera inviata al sindaco di Vedelago Cristina Andretta.

 

“Se lo Stato o gli altri enti pubblici aventi diritto decideranno di esercitare la prelazione il mio assistito ne prenderà ovviamente atto – continua -. Ma ritengo che sarebbe poco proficuo per l’amministrazione destinare al complesso di Villa Emo il notevole investimento necessario per riportare il complesso allo splendore che merita e promuoverne la fruibilità ad un pubblico più vasto, quando c’è un privato disponibile a farlo”. L’avvocato fa sapere inoltre che l’acquirente ritiene di restare anonimo per il momento. Almeno fino a quando “non sarà conclusa la verifica tecnica al cui esito è condizionata l’offerta di acquisto accettata dalla banca, ma vuole rendere noto, mio tramite, l’obbiettivo che si prefigge con l’acquisto di Villa Emo”.

 

Oltre a mantenerla visitabile e restaurarla, intende “implementare in modo professionale l’afflusso dei visitatori, con un indotto che potrà avere notevoli ricadute positive sul territorio”. Saranno realizzati caffetteria e bookshop “all’altezza di quelli che troviamo nei musei più organizzati, il che consentirà non solo di fornire ai visitatori un servizio di più alto standard, ma anche di creare posti di lavoro a vantaggio della comunità vedelaghese”.

 

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

immagine della news

02/05/2019

Ecco chi sta comprando Villa Emo

Vincent e Florance Gombault, cui fa capo Palazzo Garzoni Srl, proprietaria dell'omonimo palazzo gotico del XV secolo sul Canal Grande a Venezia

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×