19/09/2018quasi sereno

20/09/2018sereno

21/09/2018sereno

19 settembre 2018

Treviso

Cia Treviso, Facchin riconfermato alla guida dell'associazione

“Per i prossimi 4 anni continueremo nell'impegno dell'innovazione per lo sviluppo sostenibile dell'agricoltura"

commenti |

TREVISO - Giuseppe Facchin è stato riconfermato alla guida della Confederazione Italiana Agricoltori di Treviso per i prossimi quattro anni. Con il presidente uscente di Cia è stato rieletto anche il vicepresidente Gianluca Sartor.

Le riconferme sono avvenute nel corso della VII assemblea elettiva provinciale “Innovare per un futuro sostenibile”, che si è svolta venerdì nell’auditorium Tipoteca di Cornuda. Un impegno rinnovato che Facchin, imprenditore agricolo nel settore vitivinicolo di San Polo di Piave, porterà avanti nel segno della continuità del primo mandato.  

“Con questa riconferma - spiega Giuseppe Facchin appena rieletto (nella foto a lato)- sento di aver raccolto il frutti del primo mandato: fiducia, consenso e risultati. Abbiamo presidiato le principali tematiche della politica agricola; abbiamo contribuito all’abolizione dell’Imu in agricoltura; siamo presenti nel Consiglio della Camera di Commercio e nel Consiglio di Amministrazione del Consorzio del Prosecco Doc. Partecipazioni che considero grandi opportunità, in primis per la possibilità di coinvolgimento nelle decisioni importanti per il settore. Non è mai venuta meno da parte della nostra Confederazione di Treviso, che assomiglia molto ad una famiglia, l’aiuto e il sostegno soprattutto nei momenti di grande criticità che il comparto talvolta attraversa. Per i prossimi quattro anni il percorso è già tracciato. Continueremo nell’impegno dell’innovazione culturale di un settore che ha bisogno di modificarsi verso la sostenibilità, sempre a fianco degli oltre 8mila soci, Cia Treviso continuerà a crescere e ad allargare la base associativa”.

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.942

Anno XXXVII n° 16 / 13 settembre 2018

NATI E ABBANDONATI

Abbandonare gli animali, in Italia, è un reato. Eppure qualcuno ogni giorno lo fa. La storia di Mister Frog e di chi si prende cura di lui e altri mille cani e gatti rimasti senza famiglia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×