17 settembre 2019

Treviso

Ciao ciao Ospedale

Firmata la cessione dell’ultimo pezzo dell’ex ospedale di Serravalle all’Usl . In cambio il Comune riceve la palazzina ex Inam di via Carducci, sede delle associazioni di volontariato sociale

admin | commenti |

immagine dell'autore

Con la firme di Comune e Usl 7, presenti il sindaco Giancarlo Scottà e il direttore generale dell’unità sociosanitaria locale Angelo Lino Dal Favero, si è conclusa ieri la transazione della parte mancante dell’ex ospedale di Serravalle dal Comune all’Usl, quella che sarà la sala riunioni del nuovo distretto sociosanitario, comprendente un affresco del 14. secolo raffigurante la Madonna della Misericordia di autore ancora anonimo, che sotto il suo velo pietoso accoglie i “battuti”, da cui il nome della chiesa adiacente. La breve cerimonia della firma è avvenuta nella chiesa sconsacrata di San Giuseppe, all’interno del cantiere dell’impresa Camerin che sta eseguendo i lavori di recupero dell’ex ospedale. In cambio l’amministrazione ha ricevuto in proprietà la palazzina dell’ex Inam in via Carducci, attualmente sede del coordinamento del volontariato sociale. Questa, una volta trasferite le attività nella nuova sede dell’area Fenderl, farà comparto oggetto di recupero con la ex scuola media Cosmo. I lavori all’ex ospedale sono in fase ormai avanzata. Il direttore dell’Usl Dal Favero ha ricevuto assicurazioni dall’impresa che un primo lotto, l’area Segusini, del nuovo distretto sociosanitario (che sostituirà quello obsoleto, cadente e insufficiente di villa Antonia, in via Rizzera), valore complessivo 11 milioni di euro, sarà consegnato entro fine anno, il resto, chiavi in mano entro l’estate del 2008 con considerevole anticipo rispetto ai tempi.  In tutto all’Usl sono andati circa 5000 metri quadrati, nei quali sono stati ricavati 150 locali, destinati ai servizi extraospedalieri e alla medicina sociale.

 



foto dell'autore

admin
inserire qui una descrizione del giornalista

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×