22/09/2017quasi sereno

23/09/2017parz nuvoloso

24/09/2017temporale e schiarite

22 settembre 2017

Ambiente

Il Cib in sette Regioni per spiegare i vantaggi del Biogasfattobene.

AdnKronos | commenti |

Roma, 11 set. (AdnKronos) - Al via Biogasdoneright Tour: evento itinerante in sette Regioni per illustrare le buone pratiche dell’integrazione del biogas in agricoltura. Ad organizzarlo, dal 18 al 27 settembre, è il Consorzio Italiano Biogas. Durante gli incontri si alterneranno le testimonianze di imprese agricole del territorio e i riscontri pratici portati da diversi studi. Si toccheranno temi chiave per un’agricoltura orientata all’innovazione e all’adattamento ai cambiamenti climatici in atto: fertilizzazione con il digestato, doppi raccolti e colture di integrazione, meccanizzazione e agricoltura di precisione, utilizzo efficiente dell’acqua.

Ogni tappa del Biogasdoneright Tour prevede una prima sessione dedicata ai soci (alle 16) e una seconda sessione aperta al pubblico e rivolta, in particolare, ad agronomi e imprenditori agricoli (alle 18):

18 settembre Piemonte (Cascina Vigna, via Francesco di Sales 188, Carmagnola, Torino); 19 settembre Lombardia (Cremona Palace Hotel, via Castelleone 62, fr. Costa Sant’Abramo, Castelverde, Cremona); 21 settembre Lazio (Castello di San Giorgio, via dei Pastori 2, Loc. Maccarese, Fiumicino, Roma); 22 settembre Puglia (Csi Area Artigianale-Corpo C.s.n., Loc. Serra Giardino snc, Candela, Foggia); 25 settembre Friuli Venezia Giulia (Centro Culturale Paolino d’Aquileia, via Treppo 5/B, Udine); 26 settembre Veneto (Hotel Crowne Plaza, via Po 197, Padova); 27 settembre Emilia Romagna (Co.Pro.B., Via Mora 56, Minerbio, Bologna)

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×