22/09/2018pioggia debole

23/09/2018quasi sereno

24/09/2018quasi sereno

22 settembre 2018

Ciclismo

Ciclismo / Giro Under 23, Zaia sabato a Ca' del Poggio

Il Governatore del Veneto sarà sul Muro per la sfida a cronometro che domani – sabato 16 giugno - decreterà il vincitore della corsa rosa

Altri Sport

Il Giro 2017 a Ca' del Poggio

SAN PIETRO DI FELETTO -Giornata di vigilia per il gran finale del Giro d’Italia Under 23 che domani – sabato 16 giugno - vivrà il suo epilogo nella Marca: prima con la semitappa mattutina Conegliano-Valdobbiadene (72,8 km), poi con la spettacolare prova a cronometro, lunga 22,4 km e dalle caratteristiche inedite, che avrà il suo fulcro sul Muro di Ca’ del Poggio, a San Pietro di Feletto, dove sarà incoronato il vincitore della corsa a tappe per under 23 più importante d’Italia.

Sul Muro di Ca’ del Poggio sarà una giornata memorabile, che coinvolgerà migliaia di appassionati e grandi nomi del mondo dello sport.

Tra gli ospiti, anche il Governatore del Veneto, Luca Zaia, colui che per primo ha creduto nel progetto di un Giro d’Italia Under 23 che, dopo essersi sviluppato, di tappa in tappa, lungo strade di Emilia Romagna, Lombardia, Trentino e Veneto, si concludesse con una gara a cronometro sul Muro di Ca’ del Poggio, la salita simbolo delle colline del Prosecco.

Sarà uno spettacolo da non perdere, accompagnato da una grande Festa rosa, aperta – a partire dalle 11.30 - a tutti gli appassionati. Alle 13.30 passerella promozionale con le squadre juniores del Team Nibali e del Gs Caneva Gottardo Giochi (Davide Aricò, Alessandro Del Pio, Filippo Fontana, Antonino La Motta,​ Stefano Mattiuz, Gianluca Morabito, Gabriele Raffa, Luca Salvador, Davide Triolo) che pedaleranno sui 22,4 km del percorso della prova a cronometro.

Alle 14.30 il via della sfida contro il tempo. Poco prima delle 18, a Ca’ del Poggio, la premiazione del vincitore del Giro d’Italia Under 23.
 

 

Commenta questo articolo


Le società Sportive

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.942

Anno XXXVII n° 16 / 13 settembre 2018

NATI E ABBANDONATI

Abbandonare gli animali, in Italia, è un reato. Eppure qualcuno ogni giorno lo fa. La storia di Mister Frog e di chi si prende cura di lui e altri mille cani e gatti rimasti senza famiglia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×