22/10/2017pioggia debole

23/10/2017sereno con veli

24/10/2017quasi sereno

22 ottobre 2017

Lavoro

Cida, in Toscana l'esperienza dei manager al servizio dei giovani.

AdnKronos | commenti |

Firenze, 22 set. (Labitalia) - La cultura e l’esperienza manageriale al servizio dei giovani, per aiutare gli studenti ad avvicinarsi al mondo del lavoro, affinché ne possano capire le problematiche, apprenderne i valori e, al termine del percorso formativo, renderne più facile l’accesso. Sono queste le finalità del protocollo d’intesa siglato fra Regione Toscana e Cida Toscana, la Confederazione dei dirigenti e delle alte professionalità.

"Giunge così a conclusione un iter durato oltre un anno, durante il quale Cida Toscana – seguendo le linee guida di Cida nazionale – ha collaborato con la Regione per tracciare un percorso ‘virtuoso’ di formazione, che consentirà ai giovani delle scuole secondarie di secondo grado un approccio nuovo al mondo del lavoro", spiega una nota la Confederazione sindacale che rappresenta unitariamente a livello istituzionale dirigenti, quadri e alte professionalita' del pubblico e del privato.

"L’obiettivo, nell’ambito delle recenti normative sull’alternanza scuola-lavoro, è di valorizzare il sistema duale e dell’apprendistato, con la creazione di un canale privilegiato di accesso all’occupazione. In questo modo si vogliono migliorare le prospettive di impiego degli studenti attraverso l’acquisizione delle abilità e delle competenze necessarie al mercato del lavoro e finalizzate anche alla crescita personale", dice la Cida.

Il protocollo Regione-Cida Toscana, firmato dal Presidente Enrico Rossi, vuole contrastare il fenomeno della dispersione scolastica e favorire l’incontro fra domanda ed offerta di lavoro. In particolare si punta a ‘sbloccare’ l’accesso dei giovani alle piccole e medie imprese, che per dimensioni ed organizzazione spesso trovano difficoltà a reperire personale formato e competente.

"Il ruolo di Cida è proprio quello di superare questo ostacolo, mettendo a disposizione i propri manager per accompagnare gli studenti durante l’intera fase del percorso formativo. Il protocollo prevede anche che CidaToscana realizzi sinergie con il sistema di istruzione e formazione regionale per contribuire, con le proprie competenze manageriali, esperienze e conoscenze, al miglioramento della formazione degli studenti", si legge ancora nella nota.

“Cida Toscana – ha spiegato il segretario regionale, Walter Bucelli – sente il ‘dovere civico’ di contribuire al miglioramento del percorso di avvicinamento tra il mondo dell’impresa e quello della scuola. Per questo abbiamo lavorato con la Regione per il varo di questo protocollo che ci consentirà di svolgere un ‘tutoraggio’ nei confronti degli studenti. Il nostro compito sarà di quello di trasferire ai più giovani un bagaglio di competenze e di conoscenze maturato negli anni passati in azienda con ruoli di responsabilità. Questo ruolo di ‘facilitatori’ aiuterà i giovani a comprendere prima e meglio le logiche del mondo del lavoro, di cui vogliamo esaltare gli aspetti valoriali e formativi. Ma aiuterà anche le imprese che potranno contare su un ‘serbatoio’ di giovani preparati dagli studi e formati dall’esperienza dei manager. In un mercato del lavoro sempre più difficile e selettivo – conclude– siamo convinti che questo protocollo con la Regione Toscana rappresenti un valida risposta, replicabile in altri territori, per rendere sempre più vicini scuola e lavoro”.

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


Ricerca Lavoro

Cerchi lavoro? Accedi al nostro servizio di ricerca. Seleziona tipologia e provincia e vedi le offerte proposte!


Cerca ora!

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×