22/09/2017quasi sereno

23/09/2017parz nuvoloso

24/09/2017temporale e schiarite

22 settembre 2017

Mogliano

Cinque cuccioli rinchiusi in un sacchetto della spazzatura

Un passante scopre la scena dopo aver sentito i guaiti della giovane mamma, una meticcia senza microchip. L'episodio a Bonisiolo di Mogliano

commenti |

MOGLIANO – Denuncia per maltrattamento e abbandono di animali. L'episodio è accaduto a Bonisiolo di Mogliano.

La scena apparsa davanti a un passante è stata raccapricciante: cinque cuccioli con il cordone ombelicale ancora attaccato sono stati rinchiusi in un sacchetto della spazzatura appeso a un albero.

Sotto, tuttavia, la loro mamma, una meticcia dal pelo nero e lungo, che non ha mai smesso di guaire. Proprio la presenza della cagnolina ha attirato l'attenzione di un ragazzo che stava per correndo una stradina di Bonisiolo.

Fermata l’auto, dopo pochi metri è arrivato all’albero a cui era stato appeso il sacchetto. L’ha aperto e posato a terra. In un secondo momento la madre ha preso uno dei piccoli nati meno di 48 ore prima ed è scappata via. Il cucciolo non è stato più ritrovato. Gli altri quattro, invece, sono stati affidati alle cure del canile di Ponzano.

Dopo la la segnalazione, gli agenti della Polizia Locale di Mogliano hanno individuato dopo due giorni la mamma dei cuccioli nel cortile di una casa non troppo distante da quell’albero. Il proprietario si è detto estraneo ai fatti.

L’Enpa dunque è intervenuta per recuperare anche la mamma: non ci sono stati problemi da parte del propiretario. E così la meticcia ha potuto allattare i quattro piccoli. I volontari hanno fatto sapere di voler sporgere denuncia per maltrattamento di animali.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×