28/06/2017temporale forte

29/06/2017parz nuvoloso

30/06/2017parz nuvoloso

28 giugno 2017

Castelfranco

Cinque multe in poco più di un mese, barista minaccia di chiudere

Accade al bar “Al Vicolo” dentro al castello

commenti |

CASTELFRANCO – Sarebbe stato multato per cinque volte in poco più di un mese: barista del centro storico minaccia di chiudere. La vicenda, secondo quanto riporta oggi la Tribuna di Treviso, riguarda uno dei bar più frequentati all’interno del castello: “Al Vicolo”, gestito da Dino De Marchi.

Le multe, in base a quanto raccontato dal barista al quotidiano, sarebbero di 130 euro ciascuna e sarebbero giunte negli ultimi 40 giorni. A staccarle la polizia locale di Castelfranco. Motivo? I clienti stanno seduti sui tavolini all’esterno del locale fino ad oltre le 22, ovvero il limite orario imposto dal Comune.

 

Nel 2010, quando il bar è stato aperto, ha spiegato lo stesso De Marchi,  teneva aperto fino alle 22. Poi però le cose sono cambiate: il locale può tenere aperto fino alle 23,30 dal lunedì al giovedì e fino alle 2 nel fine settimana.

Solo che l’autorizzazione per il plateatico dove stanno i tavolini è limitata alle 22. Il barista avrebbe richiesto a sindaco ed assessore competente di poter utilizzare i tavolini fino a più tardi, ma a suo dire non giungono risposte. Intanto le multe però arrivano. Per questo ora minaccia di chiudere…

 

Commenta questo articolo


Loading...

Dello stesso argomento

immagine della news

08/06/2017

Mogliano, dalle multe in arrivo due milioni

Il dato, relativo al 2016, è stato reso noto dal consigliere di opposizione Giovanni Azzolini: «L'Amministrazione ha raddoppiato il valore dell'anno precedente»

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×