13 novembre 2019

Ambiente

Climathon, oltre 110 città nel mondo contro il climate change.

AdnKronos | commenti |

AdnKronos | commenti |

Roma, 23 ott. - (Adnkronos) - Una 24 ore dedicata ai cambiamenti climatici e alle soluzioni da mettere in campo che vedrà protagoniste oltre 110 città nel mondo, tra brainstorming, momenti di progettazione, formazione ed elaborazione di idee e soluzioni utili a risolvere una o più sfide urbane. Il 25 ottobre torna Climathon, l’hackathon mondiale sui cambiamenti climatici che in Italia coinvolgerà 13 città. L’iniziativa è promossa da Eit Climate-Kic, la community europea di aziende, enti locali, istituti di ricerca, università e associazioni che promuove l’innovazione tecnologica e di processo contro il clima che cambia.

Le 13 città italiane partecipanti hanno lanciato sfide coraggiose e ambiziose ai cittadini. Sul tema della mobilità, ad esempio c’è Milano che grazie a Fondazione Cariplo, Comune di Milano e Amat è alla ricerca di soluzioni innovative per trasformarsi in una città a misura di pedoni; Venezia che con Cmcc e Università Internazionale, punta a migliorare il trasporto di cose e persone nel fragile ecosistema lagunare, o Torino, che lancia la sfida per una “città circolare” puntando sull’innovazione nei settori industriali come food, automotive, elettronica, tessile, imballaggi e plastiche.

“Anche quest’anno l’Italia si dimostra particolarmente attenta al coinvolgimento di città e cittadini sul tema dei cambiamenti climatici - spiega Angelica Monaco, direttore di Climate-Kic in Italia - La sfida nella sfida è proprio quella degli enti locali che ascoltano le idee di cittadini, city users e giovani generazioni per poi eventualmente progettare insieme come realizzarle. Le grandi metropoli come Milano oppure i piccoli centri come Gaiba sono tutti chiamati a sperimentare e innovare dal basso processi decisionali, strumenti operativi, tecnologie all’avanguardia".

Non solo mobilità. Tra i grandi temi, c'è anche il turismo nell’ecosistema alpino con Courmayeur; lo smaltimento dei rifiuti elettrici ed elettronici di cui si occuperanno Cava de’ Tirreni e Rovereto; la sfida delle infrastrutture turistiche e logistiche in un contesto delicato come quello di Matera. A Gaiba, piccola cittadina della provincia di Rovigo, protagonisti gli alberi per mitigare l’effetto di eventi climatici estremi.

Si occupa di eventi estremi anche Carpi che declina il tema della resilienza dal punto di vista dell’efficienza energetica e dell’educazione ambientale. In Sardegna, sia Sassari che Cagliari cercano soluzioni per preservare il territorio e la biodiversità soprattutto nelle zone umide. Mantova lancia una delle sfide più intense: come stimolare i cittadini ad assumere comportamenti virtuosi in grado di combattere i cambiamenti climatici, mentre in Sicilia Palermo mette sotto i riflettori l’inquinamento e le emissioni di CO2 nel tentativo di trasformare la città in un sink biosferico.

Climathon è hackathon sui cambiamenti climatici organizzato in tutto il mondo da Eit Climate-KIC, organismo che fa capo all’Istituto Europeo per l'Innovazione e la Tecnologia (Eit). L’iniziativa aiuta le città a individuare e risolvere le sfide prioritarie per arginare gli effetti dei cambiamenti climatici, stimolando la partecipazione dei cittadini, chiamati a contribuire con le proprie idee.

Nel 2018 hanno partecipato 113 città distribuite nei sei continenti e 46 nazioni coinvolgendo oltre 5000 cittadini che hanno elaborato più di 400 soluzioni per rispondere agli effetti del cambiamento climatico.

 



AdnKronos

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×