19/06/2019temporale e schiarite

20/06/2019quasi sereno

21/06/2019quasi sereno

19 giugno 2019

Lavoro

Colloquio di lavoro: consigli per essere efficaci e vincenti

commenti |

Prima di poter trovare un lavoro, ci sono dei passaggi da compiere: ognuno dei quali richiede molta attenzione, soprattutto quando si parla del colloquio di lavoro. Il colloquio, infatti, è una fase che può risultare determinante (in positivo o in negativo) ai fini di un’assunzione: alla fine è il confronto diretto che può chiarire dei dubbi emersi dal curriculum, o che può sollevarne di altri, al di là della completezza del CV. Al punto che il colloquio stesso può essere determinante per il proprio futuro professionale e per la propria carriera: perché rappresenta un treno che passa una volta, e che non si ripresenterà più (non con la stessa azienda, almeno). Ecco perché è importantissimo saperlo preparare al meglio.

 

Come scrivere un curriculum efficace?

 

Intanto, anche se richiede un investimento in termini di tempo, è sempre bene personalizzare la grafica e il layout di un curriculum: quello in formato europeo è vecchio e stantio. Meglio sceglierne uno personalizzato con template accattivanti. Poi, non basta elencare in modo crudo le esperienze: è sempre il caso di contestualizzarle, di dargli un contorno, per far capire il loro reale peso. Questo significa prendersi qualche riga per sottolineare il ruolo svolto ed eventuali altre esperienze formative in skill secondarie. Bisogna poi fare attenzione alla foto, che deve essere professionale. Infine, si consiglia anche l’inserimento dei profili social, una sezione ad hoc per le competenze e il link ad un eventuale portfolio online.

 

Come vestirsi per un colloquio?

 

Noi siamo la migliore immagine di noi stessi, compreso il lato professionale, naturalmente. Al colloquio di lavoro, dunque, bisogna vestirsi in modo formale ma sobrio, senza mai esagerare. Per le calzature, è meglio qualcosa che non sia troppo elegante ma che comunque rispecchi la formalità del momento: ad esempio le scarpe Tod’s, che si possono vedere sul sito di YOOX. L’outfit scelto, invece, è preferibile che sia in grigio o in blu. Non devono mai mancare camicie e cravatte, possibilmente di fattura sartoriale. Il maglione, invece, è una buona soluzione per i colloqui più informali.

 

Alcune possibili domande ad un colloquio

 

Una domanda è sempre presente, e questa è: perché dovremmo darle il lavoro? Qui è bene essersi preparati prima, in quanto è una sorta di richiesta di esprimere il proprio curriculum e le proprie competenze a voce. Un’altra domanda che spesso fa capolino al colloquio, è quella relativa alla capacità di lavorare in team: una qualità che le aziende ricercano con insistenza. Poi c’è sempre una domanda relativa alla pressione o all’eventuale ricezione di critiche: bisogna dimostrarsi sicuri, e spiegare con tranquillità di essere abituati ad entrambi. Infine, quando vengono chiesti i punti forti, meglio pensare in ottica aziendale: proattività, voglia di imparare e spirito di sacrificio.

 

Commenta questo articolo


Ricerca Lavoro

Cerchi lavoro? Accedi al nostro servizio di ricerca. Seleziona tipologia e provincia e vedi le offerte proposte!


Cerca ora!

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×