22/10/2017pioggia debole

23/10/2017sereno con veli

24/10/2017sereno

22 ottobre 2017

Treviso

Colpi tra Treviso e Venezia, recuperata refurtiva per circa 80mila

Denunciato un albanese. Il materiale si trovava a Ceggia

commenti |

TREVISORefurtiva per circa 80mila euro recuperata dalla squadra mobile di Treviso in provincia di Venezia, a Ceggia.

Sono compresi orologi di valore, tra cui Rolex, gioielli di vario tipo, materiale elettronico ed attrezzatura edile. La refurtiva, ritrovata in un garage ed un’ex caserma militare abbandonata, sarebbe proveniente da furti compiuti tra le province di Treviso e Venezia, in particolare lungo il litorale.

 

In base ai riscontri della polizia trevigiana, era nella disponibilità di un quarantenne albanese senza fissa dimora, già conosciuto dalle forze dell’ordine, che è stato denunciato per ricettazione.

 

Gli investigatori sono giunti allo straniero a seguito di indagini partite a novembre del 2016, dopo che era stata rinvenuta un’auto abbandonata da dei ladri a Povegliano. C’era stato un inseguimento, i due malviventi avevano abbandonato l’auto scappando tra i campi.

Da delle impronte digitali e da uno scontrino sono scattati gli accertamenti che hanno fatto arrivare al quarantenne.

 

Il materiale sequestrato si trova ora in questura a Treviso e può essere visionato per il riconoscimento.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

immagine della news

17/05/2017

Ladri messi in fuga

L'episodio è accaduto sabato sera in via Goldoni a Roncade: i malviventi si sono introdotti in casa mentre i proprietari erano a dormire

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×