20 gennaio 2020

Mogliano

La compagna prende l'auto e se ne va, ma lui ha lasciato la pistola nel baule: stop al suo porto d'armi

I fatti risalgono al Natale 2015, la decisione della Prefettura qualche mese dopo

commenti |

commenti |

La compagna prende l'auto e se ne va, ma lui ha lasciato la pistola nel baule: stop al suo porto d'armi

MOGLIANO - Anche il Consiglio di Stato nega il porto d’armi al moglianese che aveva impugnato questa decisione della Prefettura trevigiana.

La decisione deriva dal fatto che la compagna dell’epoca, dopo aver litigato con l’uomo, se si era allontanata in auto. Ma nel bagagliaio era presente la valigetta con all’interno una pistola, regolarmente denunciata e detenuta dall’uomo, a scopo sportivi.

Era il periodo del Natale 2015. Nonostante i tentativi di riconciliazione, l’uomo chiese ai Carabinieri moglianesi di poter recuperare l’arma. Lo fecero i colleghi di Riese Pio X.

Da la decisione della Prefettura trevigiana di confiscare l’arma e di vietare all’uomo la detenzione di armi da fuoco a causa dell’atteggiamento “superficiale che permise a terzi di entrare in possesso dell’arma”.

Il moglianese impugnò la decisione al Tar. Il tribunale regionale confermò la decisione della Prefettura. Stessa linea, oggi, da parte del Consiglio di Stato.

 

Leggi altre notizie di Mogliano
Leggi altre notizie di Mogliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×