23/06/2017sereno con veli

24/06/2017sereno

25/06/2017possibile temporale

23 giugno 2017

Lavoro

Con Nonino concerto del gusto per 120 anni di distillazione artigianale.

AdnKronos | commenti |

Trieste, 19 mag. (Labitalia) - Prende il via domani, 20 maggio, la stagione 2017 degli appuntamenti gourmand di Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori, che ogni estate mette in scena quanto di più raffinato propone in tavola il Friuli Venezia Giulia. Cornice d’eccezione saranno le Distillerie Nonino di Percoto, che ospiteranno un 'Concerto speciale del Gusto'. Così, la famiglia Nonino intende festeggiare un importante anniversario della sua storia: i 120 anni di distillazione con metodo artigianale e accoglie il lunch show (con inizio alle 12,30), in quello che è unanimemente ritenuto il 'Tempio della distillazione': un’occasione unica non solo per conoscere le celeberrime distillerie, ma anche per visitarne una delle 5 cantine invecchiamento, sotto sigillo permanente dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, dove avviene l’invecchiamento naturale delle grappe e delle 'Ue Acquaviti d’Uva Nonino'.

La famiglia Nonino si dedica all'arte della distillazione fin dal 1897, anno in cui Orazio Nonino stabilisce a Ronchi di Percoto la sede della propria distilleria, che fino ad allora esisteva sotto forma di alambicco itinerante. Nel 1973 Giannola e Benito creano il Monovitigno Nonino, distillando separatamente le vinacce dell’uva Picolit, rivoluzionando il sistema di produrre e presentare la grappa in Italia e nel mondo.

Nel 1975 istituiscono il Premio Nonino Risit d’Aur, con lo scopo di stimolare, premiare e far ufficialmente riconoscere gli antichi vitigni autoctoni friulani e ottenere l’autorizzazione al reimpianto di Schioppettino e Pignolo Tazzelenghe (a cui si aggiunge la Ribolla Gialla), così da preservare la biodiversità del Friuli. Nel 1984 distillano l’uva intera e creano 'Ùe l’Acquavite d’Uva'. Il più recente riconoscimento alla famiglia Nonino, arrivato nel marzo 2017, è lo 'Spirit Entrepreneur of the Year' - Meininger Award.

Ancora oggi i Nonino distillano 100% con metodo artigianale e la famiglia si occupa in prima persona delle fasi del processo produttivo per garantire l’altissima qualità del distillato. Le Distillerie Nonino, uniche al mondo, sono composte da cinque distillerie artigianali con 12 alambicchi in rame discontinui a vapore ciascuna, una per ogni membro della famiglia, più un alambicco per ogni nipote, in segno della continuità della loro arte distillatoria, per la produzione delle inimitabili Grappe e Acquaviti Nonino, nel rispetto della tradizione e dei ritmi dell’artigianalità.

Nelle cantine, che saranno aperte eccezionalmente al pubblico in occasione del lunch show, le Grappe e Ùe Nonino invecchiate e Riserve seguono un invecchiamento naturale in piccole botti, sotto sigillo e sorveglianza permanente dell’Agenzia delle Dogane e vengono imbottigliate senza coloranti.

Sabato 20, gli ospiti saranno accolti con l’Aperitivo Nonino e cocktail di benvenuto dei padroni di casa. Inizierà quindi per gli ospiti uno straordinario percorso del gusto orchestrato dai 21 chef dei ristoranti del gruppo, che cucineranno in diretta davanti al pubblico inedite creazioni ispirate alla primavera e, attenti alle esigenze alimentari, proporranno anche piatti per celiaci e vegetariani. Accanto ad ogni chef, altrettanti vignaioli proporranno raffinati abbinamenti fra cibi e vini e una sorpresa. Il lunch show sarà inoltre l’occasione per degustare i prodotti, i dolci, i gelati, il caffè degli Artigiani del Gusto, partner dei ristoratori di Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori.

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


Loading...

Ricerca Lavoro

Cerchi lavoro? Accedi al nostro servizio di ricerca. Seleziona tipologia e provincia e vedi le offerte proposte!


Cerca ora!

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×