18/01/2019nuvoloso

19/01/2019velature diffuse

20/01/2019quasi sereno

18 gennaio 2019

Conegliano

Conegliano, fuga di negozi in via XX Settembre: "Meglio un portone pulito che un negozio sfitto sporco"

La dura replica di Patrizia Loberto (Corte delle Rose) ad Ascom

Roberto Silvestrin | commenti |

CONEGLIANO - “Meglio un portone pulito che un negozio sfitto sporco”. E’ scontro sulle condizioni e sul commercio di via XX Settembre: dopo l’affondo di Ascom, è arrivata la dura replica di Patrizia Loberto, presidente dell’associazione “Corte delle Rose”.

 

“L’Ascom dovrebbe essere un organo che difende e tutela i commercianti, mi sembra che nel tempo non abbia rispettato ciò – dichiara Loberto -. Non è stato fatto nulla per arginare il fuggi fuggi dei negozi. E adesso si lamentano se il comune da l’ok per i garage? Capraro (presidente Ascom, ndr) dice che si passeggia in centro storico e ci sono i garage? E no negozi? Che lui ha perso 5 negozi? Se ne accorge adesso? E quando hanno chiuso gli altri 10 dov’era? Negozi vuoti, vetrine sporche, stato di incuria. L’Ascom dovrebbe interpellare i proprietari per fare temporary shop”.

 

Capraro aveva denunciato nei giorni scorsi la perdita, nell’ultimo biennio, di 5 attività commerciali in via XX Settembre: il cambio di destinazione d’uso le ha trasformate in garage o appartamenti. Nel mirino era finito il comune, che aveva concesso il cambio. Da parte sua il sindaco Fabio Chies aveva attribuito alle precedenti amministrazioni questo tipo di “politica” sulla concessione del nuovo uso degli spazi nella storica via. E Loberto si è schierata dalla parte dell’amministrazione, soprattutto dopo il successo del Natale.

 

“Per fortuna esiste un'amministrazione che fa quello che dovrebbe fare l’Ascom – continua la presidente -. L’amministrazione ha dato ai commercianti gratuitamente il parcheggio il sabato pomeriggio, l’Ascom a suo tempo per un solo sabato pomeriggio ha chiesto ai commercianti 25 euro per fare shopping in città. L’amministrazione con il Natale fa rivivere la città, ma la fa anche conoscere, perché c’è un ritorno per i saldi a Conegliano. Anche Festalonga la organizzano i commercianti. Quindi due eventi positivi per il commercio”. Secondo il vertice dell’associazione “Corte delle Rose”, poi, gli eventi targati Ascom non avrebbero l’appeal necessario per far ridecollare il commercio cittadino.

 

“Io mi chiedo cosa l’Ascom faccia in più – lo sfogo di Loberto -. Le mostre come quella su Teodoro Wolf Ferrari? Che chiede ai commercianti 50 euro? Cose così non portano commercio. La Tiramisù World Cup fatta il 1 novembre con i negozi chiusi? Con il contributo economico del comune cosa ha portato? Solo alberghi pieni, per il commercio nei negozi zero, visto che erano chiusi”.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Conegliano

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×