24/11/2017parz nuvoloso

25/11/2017pioggia

26/11/2017piovaschi e schiarite

24 novembre 2017

Conegliano

Conegliano, orco violenta la figlia per 8 anni. Ma non farà un giorno di carcere

L'incredibile esito del processo che "salva" l'uomo

commenti |

CONEGLIANO - Una storia terribile, tra abusi e mancata giustizia. E’ stata violentata per 8 anni dal padre, da quando lei ne aveva 8, dopo la separazione dei genitori. Ma lui non farà un giorno di carcere. Il padre non solo abusava di lei, ma la “prestava” anche agli amici del bar, che potevano così toccarla e spingersi oltre.

 

Lo racconta un articolo de Il Corriere del Veneto: il padre era stato condannato in primo grado a 10 anni, colpevolezza riconosciuta anche dalla Corte d’Appello di Venezia. Che però giovedì ha dovuto decretare il non luogo a procedere per intervenuta prescrizione.

 

L’orco quindi non affronterà il carcere, neanche per un giorno. Una sentenza delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione ha infatti reso meno pesanti una delle aggravanti, riducendo così i tempi di prescrizione. Questo cavillo ha permesso all’uomo di rimanere libero.

 

E’ stata confermata solo la condanna civile, e sarà costretto a risarcire la figlia. Che dal 2003, quando l’uomo si è risposato, ha visto la fine dell’incubo iniziato nel 1995. Lui beveva, diventava violento, abusava di lei.

 

La ragazza ha affrontato un lungo calvario, fino alla denuncia, arrivata grazie all’aiuto dei famigliari. Questo è però l’esito – paradossale – di questa brutta vicenda.

 

Leggi altre notizie di Conegliano

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Conegliano
vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.924

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×