17 novembre 2019

Gli sculettii (doppia i) della Minetti

Categoria: Notizie e politica -

immagine dell'autore

Emanuela Da Ros | commenti |

Ci siete?

Io sì. Più o meno.

Sono stata un po' lontana dal richiamodelblog per (segue tentativo di trovare adeguata giustificazione)....per pura pigrizia.

A volte sono necessarie pressanti sollecitazioni per spingerci all'azione.

L'azione del pigiare sui tasti nel maldestro tentativo di aggiornare il miotrattinoblog (a cui sono affezionata, sia chiaro), me l'ha dato uno sculettamento.

Ma mica uno qualsiasi.

Oggi - domenica - ho cercato di favorire il mio processo digestivo (costicine di maiale alla griglia, patate fritte, fagioli affogati nella zegoa) vagolando tra socialnetwork e mediaonline.

Mia figlia Stefy mi aveva invitato a fare una passeggiata fino a sant'Augusta, ma ho pensato che muovere il mouse mi avrebbe permesso di consumare calorie in una posizione più comoda.

Così ho poltrito di fronte al computer. Bella mossa.

Mi sono trovata a palleggiare in un tam tam di commenti sulla sfilata che Nicole Minetti, consigliere regionale di quella fulgida regione che ha nome Lombardia, ha fatto in mutante/mutande e reggitettone per Parah.

Mi sono sorbita - su internet - la sfilata e ho seguito con macho interesse le dichiarazioni della Minettona. Autentiche pillole di saggezza.

La Minettona ha detto al tripudio di microfoni aperti davanti alle sue tettone, ehm: volevo dire labbrone, che anche un politico può fare moda e che lei ha sfilato a culo quasi nudo per favorire l'economia italiana.

Parole sante.

Guardando il perizoma strizzarle appena il gluteo ho pensato che tutti i politici - sull'esempio Minetti - dovrebbero andare in giro in mutande.

Lo Stato, in tal modo, risparmierebbe un sacco di schei. Non dovrebbe occuparsi né di auto, né di doppiopetti blu. Ogni consigliere, deputato, senatore, presidente eccetera dovrebbe sfilare o andarsene in giro in mutande.

Non tutti saranno in grado di oscillare le chiappe come la Minetti, ma lo spettacolo (almeno all'inizio) sarà avvincente. A parte la Minetti (e Cicciolina) io non credo di aver mai visto un politico andare in giro con mezzo culo fuori e sarei curiosa di vedere un Bersani, un Pannella, un Grillo, un Berlusca...(Berlusca, no...per favore!), un Pinco Palino Qualsiasi sedersi sul Trono di legno (qualsiasi riferimento letterario è casuale) e dire: Toh! Me son ciapà 'na riscia.

 



Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×