22/07/2018temporale e schiarite

23/07/2018parz nuvoloso

24/07/2018quasi sereno

22 luglio 2018

Valdobbiadene Pieve di Soligo

La Contrada di San Giovanni, per la quinta volta, vince il Palio delle Contrade di Valdobbiadene

commenti |

VALDOBBIADENE - E' la Contrada di San Giovanni, per la quinta volta, a portarsi a casa il Palio delle Contrade di Valdobbiadene. Il secondo posto è andato alla contrada di San Pietro di Barbozza mentre la contrada di Saccol, vincitrice delle edizioni del 2016 e del 2017, si è aggiudicata il terzo gradino del podio. Emozionanti gli otto giochi proposti durante le due serate, tra i quali sono emersi il tiro alla fune, i giochi d'acqua grazie all'utilizzo di due piscine e la coinvolgente corsa con le botti.

 

Per quest'ultima competizione è stato annunciato che i migliori atleti della serata verranno selezionati per la squadra che parteciperà alla finalissima del Palio nazionale delle botti che si terrà proprio a Valdobbiadene il 7 ottobre. Grande soddisfazione da parte degli organizzatori del Palio che hanno visto gareggiare, per due serate consecutive, tanti ragazzi provenienti dalle frazioni e dalle borgate di Valdobbiadene.

 

Presenti in piazza Marconi il sindaco del Comune di Valdobbiadene, Luciano Fregonese, e l'assessore al turismo, allo sport e alle associazioni, Tommaso Razzolini, che hanno ringraziato tutti i partecipanti per l'ottima riuscita della manifestazione evidenziando come tutto sia andato per il meglio. "Quest'anno -dichiara l'Assessore Razzolini - siamo tornati in Piazza visti i lavori di sistemazione appena conclusi sulla pista di atletica dello stadio comunale. Ammetto che il campo sportivo era un luogo ideale e pratico dove poter svolgere questa manifestazione, ma anche la coreografia della cornice di piazza Marconi rende affascinante questo evento, arrivato alla diciottesima edizione". 

 

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×