17/08/2018sereno

18/08/2018quasi sereno

19/08/2018sereno

17 agosto 2018

Castelfranco

Controllo dal "meccanico": spuntano hashish, ecstasy e speed

In arresto un 36enne domiciliato a Vedelago

commenti |

Polizia

VEDELAGO – Controllo della polizia stradale per una dubbia attività legata al mondo dei veicoli: spuntano marijuana e droghe sintetiche, arrestato un 36enne di Treviso domiciliato a Vedelago.

Gli agenti della stradale hanno effettuato le verifiche in un fabbricato in zona artigianale trovando l’uomo che si avvicinava ad un camper e ad un furgone parcheggiati come se dovesse effettuare delle riparazioni.

All’interno del capannone c’erano inoltre attrezzi per il lavoro d’officina, oltre a numerosi motoveicoli, biciclette, un’auto ed un camper.

 

Il 36enne ha dimostrato subito un atteggiamento nervoso ed ha riferito che il capannone era affittato regolarmente. Gli agenti, però, hanno capito che c’era dell’altro, hanno insistito con le domande sospettando che potesse detenere della droga e lui allora ha consegnato due ovuli contenenti hashish, che ha preso da un locale adibito a cucina all’interno del fabbricato.

 

Gli operatori, ritenendo potesse esserci dell’altro, hanno richiesto l’intervento della sezione antidroga della Questura di Treviso e l’unità cinofila. Quando ha capito che sarebbe arrivato il cane antidroga il 36enne ha consegnato spontaneamente altri tre ovuli di hashish, quattro pastiglie di ecstasy e tre involucri contenenti sostanza granulosa di colore bianco, che a suo dire era sempre stupefacente, ovvero “speed”.

Proseguendo con la perquisizione sono spuntati anche un bilancino di precisione e della sostanza da taglio composta da bicarbonato e mannitolo.

 

È scattato immediatamente l’arresto, poi per l’uomo la Procura di Treviso ha disposto la detenzione domiciliare.

 

Leggi altre notizie di Castelfranco

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×