23/06/2018quasi sereno

24/06/2018nuvoloso

25/06/2018quasi sereno

23 giugno 2018

Atletica

La Corritreviso si veste d'azzurro

Grandi protagonisti per la 29^ edizione della classica kermesse di Piazza dei Signori, presentata ufficialmente ieri sera al BHR Treviso Hotel. Elena Romagnolo vedette della gara femminile. Iscritti a quota 600

Altri Sport

La Corritreviso si veste d'azzurro

TREVISO - La Corritreviso si tinge d’azzurro. Venerdì 1° giugno, per la 29^ edizione della grande classica di Piazza dei Signori, abbinata al Trofeo Lattebusche, lungo le strade del centro storico (prima gara: ore 19), faranno passerella Eyob Faniel e Abdoullah Bamoussa, due tra gli atleti di maggior valore nel panorama del mezzofondo e fondo azzurro.

Faniel, il vincitore dell’ultima Venicemarathon, cercherà di bissare il successo del 2017. Ha iniziato la stagione alla grande, migliorandosi per tre volte nell’arco di un mese nella mezza maratona, sino al 62’27” realizzato il 7 aprile a Praga. Ora l’atleta d’origine eritrea, allenato da Ruggero Pertile, ha un grande obiettivo: la maratona degli Europei di Berlino, dov’è già tra gli azzurri selezionati.

I 10 chilometri di Treviso, sul percorso omologato domenica scorsa dal misuratore Aims, Stefano Bassan, saranno un test importante. Berlino è anche l’obiettivo stagionale di Abdoullah Bamoussa, finalista nei 3000 siepi agli Europei di Amsterdam, azzurro all’Olimpiade di Rio e ai Mondiali di Londra. Ha le carte in regola per recitare da protagonista in una gara che vedrà al via anche il due volte campione italiano di maratona, Ahmed Nasef, e il trevigiano Simone Gobbo, secondo nel 2017 alla Corritreviso alle spalle di Faniel, dopo aver trionfato in Piazza dei Signori l’anno precedente.

Da seguire pure il bronzo tricolore dei 5000 in carica, Stefano Guidotti Icardi, e il giovane trevigiano Leonardo Feletto, sceso a 8’39”42 nei 3000 siepi (secondo miglior tempo italiano stagionale), sabato scorso a Bussolengo.

Feletto sarà la punta di diamante di un poker dell’Atletica Mogliano costituito anche da Leonardo Bidogia, Riccardo Donè e Mattia Stival. La gara maschile assoluta, ad invito, costituirà il sipario di chiusura della manifestazione. In precedenza, assieme ai master, si svolgerà la gara femminile, dove la vedette sarà la primatista italiana dei 3000 siepi, Elena Romagnolo, finalista olimpica a Pechino e Londra. Annunciate al via anche le trevigiane Valentina Bernasconi e Agnese Tozzato, la vicentina Maurizia Cunico, bronzo nel 2017, e la reggiana Veronica Paterlini. Si cerca l’erede di Sara Dossena che, dopo aver vinto a Treviso l’anno scorso, ha debuttato in maratona giungendo sesta a New York.

La manifestazione – presentata ufficialmente ieri sera al Bhr Treviso Hotel, con gli interventi del presidente della Fidal provinciale Oddone Tubia, del consigliere regionale della Fidal Giulio Pavei, dell’assessore allo Sport del Comune di Treviso, Ofelio Michielan, e del direttore marketing di Lattebusche, Matteo Bortoli - è organizzata dall’Asd Corritreviso, con il patrocinio del Comune di Treviso e la partnership della sezione provinciale della Lilt, la Lega italiana per la lotta contro i tumori, rappresentata ieri sera dalla vicepresidente Nelly Mantovani.

ISCRIZIONI A QUOTA 600 (E NON SOLO) – Gli iscritti alle gare assolute della 29^ Corritreviso – Trofeo Lattebusche, in queste ore, hanno raggiunto quota 600. Ad essi andranno poi aggiunti gli iscritti alle gare giovanili. Sarà possibile prenotare un pettorale per le gare assolute sino alle ore 24 di mercoledì 30 maggio. Poi le iscrizioni riapriranno, con quota maggiorata, venerdì 1° giugno, alle 19.15, presso la segreteria organizzativa di Piazza Borsa.

CAMPIONATO REGIONALE GIOVANILE – La serata della 29^ Corritreviso - Trofeo Lattebusche sarà aperta dalle gare giovanili, che quest’anno coincideranno con il campionato regionale individuale per le categorie ragazzi, cadetti e allievi. Corritreviso Kids – questo il nome dell’evento nell’evento - sarà dunque, più che mai, una passerella per le giovani stelle del mezzofondo veneto, che a Treviso saranno protagoniste di uno dei più significativi appuntamenti della stagione su strada. Le gare giovanili sono anche valide per il campionato provinciale Fidal di società. In palio, inoltre, il prestigioso Trofeo Lattebusche, che andrà alla società con più iscritti nell’insieme delle categorie esordienti, ragazzi, cadetti e allievi. Le categorie esordienti (per le quali è prevista una prova dimostrativa, senza assegnazione di titoli), ragazzi e cadetti si sfideranno su uno spettacolare percorso ridotto di 580 metri, da ripetere più volte a seconda delle fasce d’età, che avrà anch’esso partenza e arrivo in Piazza dei Signori. La categoria allievi terrà invece a battesimo il percorso da mille metri, omologato Fidal, che a fine serata ospiterà la gara assoluta maschile ad invito.

ORARI E DISTANZE – La segreteria organizzativa della 29^ Corritreviso – Trofeo Lattebusche sarà in Piazza Borsa. Qui saranno posizionati anche gli spogliatoi e il punto di consegna delle borse con gli indumenti personali. Tutte le gare partiranno e arriveranno in Piazza dei Signori. Il ritrovo per le categorie giovanili è alle 18.15. Ecco orari e distanze di gara. Ore 19: esordienti A masch. e femm. (580 metri, 1 giro piccolo). 19.10: ragazze (1.160 metri, 2 giri piccoli). 19.20: ragazzi (1.740 metri, 3 giri piccoli). 19.30: cadette (1.740 metri, 3 giri piccoli). 19.40: cadetti (2.320 metri, 4 giri piccoli). 19.50: allievi e allieve (5.000 metri, 5 giri su percorso omologato Fidal da 1.000 metri). Per le gare del settore assoluto il ritrovo è invece previsto, sempre in Piazza Borsa, alle 19.15. La gara master maschile e quella femminile per tutte le categorie scatterà alle 20.45 e si svilupperà su un totale di circa 9,9 km (tre giri grandi di lunghezza variabile da 3 a 3,5 km). La gara maschile ad invito, novità dell’edizione 2018 della Corritreviso, partirà invece alle 22 e prevede 10 giri da 1.000 metri sullo stesso percorso – omologato Fidal - utilizzato in precedenza dagli allievi.
 

 

Commenta questo articolo


Le società Sportive

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.938

Anno XXXVII n° 12 / 21 giugno 2018

SULLA MIA PELLE

Il tatuaggio: una moda vecchia 5300 anni

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×