20/05/2018possibile temporale

21/05/2018velature sparse

22/05/2018temporale e schiarite

20 maggio 2018

Sport

Corsa, Trofeo Opitergium / A Oderzo 12 i nazionali al via

Venerdì 20 aprile, a Palazzo Foscolo, la presentazione ufficiale dell’evento che, nelle gare assolute, vedrà al via anche il formidabile maratoneta norvegese Sondre Moen

Altri Sport

Trofeo Opitergium 2017

ODERZO - La giovane Europa che farà passerella a Oderzo, in occasione del 2° Trofeo Opitergium, schiera altri tre assi.

Nei giorni scorsi, gli organizzatori dell’Atletica Tre Comuni hanno infatti avuto la certezza che martedì 1° maggio, all’ombra del Torresin, la caratteristica torre dell’orologio che svetta in Piazza Grande, faranno passerella anche le Nazionali under 20 di Danimarca, Repubblica Ceca e Slovacchia.

Il numero dei team in gara nel Trofeo Opitergium sale così a 12: il quadro, ormai pressoché completo, delle adesioni alla prestigiosa rassegna giovanile, oltre a Danimarca, Repubblica Ceca e Slovacchia, comprende anche Italia, Gran Bretagna, Francia, Grecia, Romania, Svezia, Slovenia, Macedonia e Armenia.

Dodici nazioni, con tre rappresentanti del G5 dell’atletica (Italia, Gran Bretagna e Francia), si sfideranno dunque sulle strade di Oderzo, con 10 atleti a testa (cinque ragazzi e altrettante ragazze), in quello che, dopo il riuscito Test Event del 2017, promette di diventare un classico della stagione su strada.

Il direttore tecnico Giovanile e allo Sviluppo, Stefano Baldini, ha intanto ufficializzato la squadra azzurra che a Oderzo cercherà di bissare il successo realizzato l’anno scorso, quando l’Italia dominò sia le gare individuali, vinte da Nadia Battocletti e Alberto Mondazzi, che la classifica a squadre.

La Battocletti, nel 2017 anche bronzo nei 3000 metri agli Europei juniores di Grosseto, è l’atleta più nota di un gruppo che comprenderà anche Michela Cesarò (Cus Torino), Martina Cornia (La Fratellanza 1874), Elisa Ducoli (Free-Zone), Angela Mattevi (Atl. Valle di Cembra) e, al maschile, Luca Alfieri (PBM Bovisio Masciago), Nesim Amsellek (Atl. Chiari 1964 Lib.), Raphael Joppi (Suedtiroler Laufverein Amateur), Davide Rossi (AS La Fratellanza 1874) e il bellunese Mihail Sirbu (Gs Quantin Alpenplus), unico veneto del gruppo.

Lo spettacolo è garantito. Ma il pomeriggio del 1° maggio a Oderzo non sarà solo il Trofeo Opitergium. Archiviate le gare delle Nazionali under 20, l’attenzione si sposterà sulle due gare assolute della 23^ Corsa internazionale Città Archeologica (5 km femminili e 10 km maschili) che vedranno al via molti tra i migliori specialisti del mezzofondo e fondo internazionale. A partire dal norvegese Sondre Nordstad Moen, l’uomo che il 3 dicembre 2017 a Fukuoka ha corso la maratona in 2h05’48”, stabilendo il record europeo e diventando il primo atleta non africano della storia a scendere sotto la barriera delle 2h06’.

Venerdì 20 aprile, alle 19, a Palazzo Foscolo, a Oderzo, la presentazione ufficiale della manifestazione, che si aprirà nella mattinata del 1° maggio, con le gare del Grand Prix Giovani, a livello under 18, e la prova per i diversamente abili.
 

 

Commenta questo articolo


Le società Sportive

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.936

Anno XXXVII n° 10 / 24 maggio 2018

VI RACCONTO UNA FAVOLA. LA MIA

La strada verso Iasi. Abbandonata alla nascita in Romania, Georgiana viene adottata a 7 anni da un imprenditore di Vittorio Veneto e dalla moglie. Poi il padre muore, e lei parte alla ricerca delle sue origini…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×