19/02/2018nuvoloso

20/02/2018nuvoloso

21/02/2018nuvoloso

19 febbraio 2018

Treviso

Corteo degli studenti contro le condizioni disastrose delle scuole

A Treviso un centinaio gli studenti scesi in piazza

commenti |

TREVISO - La pioggia e le pessime condizioni meteo non li hanno fermati. In più di 40 città italiane gli studenti questa mattina sono scesi in piazza, in occasione della giornata internazionale per il diritto allo studio, al grido di “Change the way - Invertiamo la marcia".

 

Anche a Treviso circa un centinaio gli studenti che hanno preso parte al corteo di protesta contro le condizioni edilizie disastrose in cui riversano le scuole superiori della Marca, le classi troppo affollate e le succursali che cadono a pezzi. Partiti verso le 8.30 dalla stazione dei treni di Treviso, gli studenti hanno attraversato in corteo con striscioni, bandiere e megafono, il Calmaggiore, arrivando zuppi fino alla Loggia dei Cavalieri.

"Il mondo dell’Istruzione negli anni è stato ripetutamente calpestato, il diritto allo studio è inesistente, le scuole cadono a pezzi, il fenomeno degli idonei beneficiari continua ad essere una triste realtà del nostro paese" dichiara la Rete degli studenti medi di Treviso. "Crediamo fermamente che l'Italia e l'Europa non possano permettersi di non investire su scuola e università continuando a mettere in campo politiche di austerity contro la conoscenza rischiando di far chiudere i nostri atenei. Un' inversione di marcia è indispensabile: scuole e università devono essere trampolino di rilancio delle politiche di sviluppo di Italia ed Europa".

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.929

Anno XXXVII n° 3 / 15 febbraio 2018

SI. CUCINO GLI INSETTI

Benvenuti nella cucina di Roberto. Dove le larve di caimano prendono il posto delle verdure pastellate e i muffin vengono prodotti con farina di grilli. Perché dato che forse sarà questo il cibo del futuro, tanto vale iniziare a sperimentare. E gustare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×