16 settembre 2019

Vittorio Veneto

CRESCONO LE ANTENNE. NONOSTANTE IL (VETO DEL) COMUNE

Vittorio Veneto. Caldart: "Un privato ha il diritto di piazzare antenne telefoniche". Anche contro il parere dell'amministrazione

Emanuela Da Ros | commenti | (1) |

Vittorio Veneto - Il consigliere di quartiere Michele Bastanzetti e i residenti cenedesi che avevano lanciato un accorato allarme contro l'ennesima antenna per la telefonia piazzata - loro malgrado - vicino a case, scuole, orti, cortili dovrà incassare il colpo.

Un colpo elettromagnetico (e amministrativo).

In una dichiarazione di poche ore fa, l'assessore vittoriese all'ambiente Antonella Caldart fa sapere che il Comune, ahinoi, nulla può contro le antenne cresciute su suolo privato, come quella che svetta in via Da Mosto, vicino all rotatora di via Matteotti.

"E’ priva di fondamento - evidenzia Caldart - ogni affermazione che tenti di far cadere sull’amministrazione comunale la responsabilità del sorgere di nuovi impianti di antenne di telefonia mobile, o che “abbia concesso a un privato di installare un’antenna”. Nel caso specifico voglio sottolineare che giunta comunale all’unanimità, Ufficio Edilizia Privata, Ufficio strade e comando di Polizia Locale hanno dato parere negativo per la realizzazione dell’impianto di antenna della Ericsson tra via Da Mosto e via della Bressana, respingendo la richiesta presentata dal privato.

Purtroppo al parere contrario degli uffici e della giunta la Ericsson, presentando il parere di conformità dell’impianto da parte dell’Arpav, è andata avanti sottolinenado tra l'altro  che l’opera riveste carattere di pubblica utilità e urbanizzazione primaria."

Che significa? che il Comune può tuonare contro le antenne (Caldart assicura di averlo fatto), ma le antenne su suolo privato possono crescere, svettare, inquinare...telecomandare.

Emanuela Da Ros

 



foto dell'autore

Emanuela Da Ros

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Se per questa antenna la signora Caldart non può fare nulla ci spieghi allora perchè quella posta dietro il cimitero di Ceneda non è ancora stata rimossa. Questa antenna,che si trova in un terreno di proprietà comunale, doveva essere provvisoria, ma nonostante sia stato installato il grandioso obelisco con tanto di antenna nel parcheggio del cimitero questa non è stata rimossa. Anche per eliminare questa antenna l'assessore dichiara la sua impotenza? Oppure pensa che i cittadini non si ricordino pìù che la Sopraintendenza aveva dato paretre contrario all'installazione del manufatto e proprio per questo motivo l'amministrazione vittoriese autorizzo l'installazione di una antenna mobile con la promessa che sarebbe stata tolta il più presto possibile?

segnala commento inopportuno

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×