22/10/2017pioggia debole

23/10/2017sereno con veli

24/10/2017quasi sereno

22 ottobre 2017

Tennis

De Marco vince il Rodeo di Villa Guidini

Il torneo tennistico di Zero Branco ha visto la partecipazione di 38 racchette

Tennis

ZERO BRANCO - Al Rodeo di Villa Guidini arriva l’acuto di Giacomo De Marco. Su trentotto tennisti coordinati da Bruno Basso finale tutta giovanile tra Riccardo Cazzaro e Giacomo De Marco che si aggiudica la finale con un doppio 4/2.

 

Terzi posti per Massimiliano Tesser e Bruno D’Angelo. D Marco è riuscito a domare la verve di Marco Svander che nonostante la sua classifica è già protagonista di questo inizio stagione, tant’è che sono arrivati al terzo mini set.

 

Dietro si è messo in evidenza il solo Marco Deppieri con tre positivi.

 

Ermes Brugnaro

 

Altri Eventi nella categoria Tennis

i premiati di Ponte della Priula
i premiati di Ponte della Priula

Tennis

Torneo di Terza Categoria con 140 partecipanti coordinati da Massimo Nicoletti

Loglio supera Franzato a Ponte della Priula

PONTE DELLA PRIULA - Allo Sporting Magi di Ponte della Priula il 2° Torneo Saccon Gomme è di Brandon Loglio.

I premiati all'Open di Altivole
I premiati all'Open di Altivole

Tennis

In finale ha superato Luca Serena ritirato per un guaio fisico. Nel femminile successo per Anna Stefani

Tennis, Salviato vince l'Open di Altivole

ALTIVOLE - Primo Open Città di Altivole va al vicentino Francesco Salviato. Con oltre cento partecipanti coordinati da Loredana Venturini e Damiano Baggio è andato in scena il primo Open presso gli impianti di Via Laguna con un montepremi di mille euro.

Commenta questo articolo


Le società Sportive

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×