20/04/2018sereno

21/04/2018quasi sereno

22/04/2018quasi sereno

20 aprile 2018

Dei pregiudizi di molti medici (spergiuratisi) e di molti giornalisti

Categoria: No profit e attivismo - Tags: pregiudizi medici pediatri giornalisti bambini vegan

immagine dell'autore

Walter De Iulis | commenti |

bambini vegani meravigliosi

 


Ben ritrovati, soprattutto a chi è rimasto spiazzato dall'ultimo articolo. Il titolo riprende quello del primo capitolo di un importante lavoro di Friedrich Nietzsche: Dei pregiudizi dei filosofi, 1886. Molti, perchè non mi unisco a chi rovina l'autorevolezza di intere categorie. Ha pregiudizi il filosofo che non è serenamente aderente alla conoscenza in sé, ma è morbosamente attaccato alla propria.

Alcuni amano abusare, altri amano essere abusati. Le cattive ideologie funzionano così, qualcosa se ne conosce e molto no. Moltissimi vi sono immersi, alcuni le favoriscono, altri le subiscono, rassicurati dall'autorità e dalle catene (grazie agli Eurythmics per Sweet Dreams, 1983). Così è anche il carnismo, che Melanie Joy ha fatto uscire dall'invisibilità nel 2001 e ha decostruito per l'Italia nel 2012 con Perché amiamo i cani, mangiamo i maiali e indossiamo le mucche. Fin qui le coordinate, veniamo ai fatti.

A volte alcuni medici carnisti e spergiuratisi organizzano delle feste. La grafica dedicata è verde, come ti imito la green economy, ma non fatevi ingannare: si vendono sofferenza e sangue rosso. Trentino titola: Diete vegane, tornano casi di rachitismo. La primaria di pediatria intervistata tornava, udite udite, dal simposio internazionale Il ruolo della carne nell'alimentazione umana. Riconosce che i pediatri non sono adeguatamente preparati per i genitori che hanno fatto la scelta non violenta e, quindi, salutare. Né tantomeno per i loro figli che potrebbero seguire una dieta ricca di fattori di protezione e poverissima di fattori di rischio, ma una mano invisibile scende su di loro.

A parte questo sprazzo di verità, il resto è la sagra del luogo comune, dalla confusione sugli integratori alle paventate carenze. Fermo restando che ogni dieta senza educazione alimentare è un rischio.

Il Corriere del Trentino in locandina: Il primario: estremismi pericolosi – Diete vegane, riemerge il rachitismo (integratori necessari). Ne è seguita molta ilarità su Facebook, trattengo il riso mentre scrivo... eh no, non ce l'ho fatta. Alcuni utenti hanno postato una loro foto accanto a quella oscena del giornale.

Negli ultimi anni la stampa ha montato casi allarmistici sui bambini vegan: quando si chiariva che la dieta vegana era o non seguita, o non praticata con educazione, nessun giornale ha mai rettificato.

Molti pediatri spergiuratisi hanno strumentalizzato il caso della sentenza del Tar di Bolzano sulle diete vegane negli asili-nido. Tuttavia riguardava solo aspetti amministrativi. Lo scivolone dei pediatri fa il paio con la dichiarazione ufficiale della Sipps del settembre scorso, contraria alle diete vegane per i bambini e in barba alle evidenze ormai storiche e aggiornate per cui in letteratura scientifica sono noti i benefici e l'adeguatezza per tutte le età e condizioni di vita. Perché tanto accanimento contro gli innocenti, i bambini, oltre che gli altri animali?

La Società scientifica di nutrizione vegetariana è stata in dovere di scrivere una lettera aperta alla stampa italiana: Pediatri fanno disinformazione sulla dieta vegetale per bambini. Recentemente, la presidente e fondatrice, dr.ssa Luciana Baroni, ha ricondotto allo studio onesto tre famosi medici nel corso di Porta a porta, nonostante l'ostilità più e meno evidente del conduttore. Meno quando orchestra un trucco quasi subliminale: appena presenta e nomina la coraggiosa e determinata dr.ssa Baroni, già in collegamento e non meglio specificata presidente dei vegani, piomba immediatamente un altro annuncio che porta via l'attenzione sull'ospite, molto più autorevole degli spergiuratisi fisicamente in studio. Anche questa è la certificata scarsa libertà d'informazione dei media italiani.

La dr.ssa Baroni ha offerto la sua testimonianza, fronteggiando la violenza. Non è facile. Essere consapevoli delle dimensioni spropositate dei danni del carnismo è faticoso. Tuttavia, quando ricorriamo al potenziale empatico che ha ognuno di noi, siamo di più noi stessi, liberi dall'intorpidimento da ideologie oscure e gratificati dal fatto di fare qualcosa per migliorare.

Cerco di offrire la mia testimonianza e di incoraggiarvi ad offrire la vostra.

Pregiudizi nelle facoltà di medicina

Pediatri fanno disinformazione sulla dieta vegetale per i bambini

...passi indietro sulla via del progresso scientifico e della corretta informazione

Pediatri e bambini vegani meravigliosi

 



Commenta questo articolo


foto dell'autore

Walter De Iulis

Insegnante abilitato, in ruolo nel Miur, lauree in Scienze Motorie, Scienze Politiche, specializzazione sul sostegno didattico. In precedenza quindici anni nel Ministero della Difesa


SEGUIMI SU:

Ultimi Post
top Post
vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.933

Anno XXXVII n° 7 / 12 aprile 2018

DI CORSA!

Attenzione: può causare dipendenza. Chi inizia a correre non si ferma. Parola di runner

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×