24/10/2017sereno

25/10/2017velature sparse

26/10/2017sereno con veli

24 ottobre 2017

Vittorio Veneto

Depositare le proprie volontà sulle cure a cui essere sottoposti? A Vittorio ancora non si può

Michele Bastanzetti del Sac scrive al sindaco Tonon: "Attivate il servizio"

commenti |

VITTORIO VENETO - Depositare le proprie volontà riguardanti le cure a cui essere sottoposti, prima di un’eventuale stato che impedisca di dare il proprio assenso o il proprio diniego.

 

In molti comuni, tra i quali anche Vittorio Veneto, ancora non si può fare: non è infatti possibile depositare presso gli uffici comunali la cosiddetta Dat (Dichiarazione anticipata di trattamento sanitario).

 

Per questo Michele Bastanzetti del Sac ha inviato una mail al sindaco Roberto Tonon, chiedendo l’attivazione del servizio: “le propongo di attivare presso gli uffici comunali, ad imitazione di quanto già fatto da altri amministrazioni compresa Treviso, il registro "Dichiarazione Anticipata di Trattamento sanitario", che accoglie le volontà dei cittadini circa i trattamenti ai quali si vorrebbe o non si vorrebbe essere sottoposti in caso di malattie o traumi che impediscano l'esercizio del proprio consenso o dissenso in merito”.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×