19/07/2018sereno

20/07/2018possibile temporale

21/07/2018possibile temporale

19 luglio 2018

Politica

"Di Maio premier o nessun governo"

commenti |

"Se noi ai cittadini presentiamo un altro candidato premier, non eletto dai cittadini, determiniamo il definitivo allontanamento dalla politica”. A dirlo a '24Mattino', sulle frequenze di Radio 24, è Alfonso Bonafede, indicato al ministero della Giustizia nel governo M5S definito e presentato all'opinione pubblica prima delle elezioni.

“A queste elezioni i cittadini hanno partecipato con entusiasmo e, quindi, va data una risposta e questa risposta secondo noi non può prescindere dalla presenza di Luigi Di Maio come candidato premier”, ha aggiunto Bonafede. A chi gli chiede 'o lui o non si fa il governo?', "noi riteniamo che debba essere lui il candidato premier, sì - risponde secco - Il premier del governo”.

TENSIONI AL SENATO - Paletti all'iniziativa legislativa, con una stretta sulla presentazione di proposte di legge ed emendamenti. Sarebbe stato questo uno dei passaggi più 'controversi', a detta di non pochi eletti M5S, contenuto nella bozza del nuovo statuto del gruppo parlamentare al Senato. Documento che potrebbe essere approvato già nel corso dell'assemblea in programma oggi a Palazzo Madama, poco prima della riunione dei deputati a Montecitorio. A quanto apprende l'Adnkronos, il passaggio sui limiti all'iniziativa legislativa non sarebbe andato giù a molti senatori.

Il malumore montante all'interno della truppa degli eletti al Senato avrebbe poi costretto chi sta lavorando al documento a fare dietrofront eliminando quel vincolo, bollato come incostituzionale da alcuni parlamentari. Ieri sera il limite alla presentazione delle leggi sarebbe infatti saltato. E questo spiegherebbe anche i ritardi nella presentazione della bozza ai parlamentari. Alcuni dei quali sarebbero intenzionati a chiedere il rinvio della votazione in programma oggi proprio per prendere visione dello statuto ed evitare 'sorprese'.

Il paletto alla presentazione di leggi, viene spiegato da una fonte parlamentare, sarebbe stato concepito con l'obiettivo di 'limitare' la proliferazione di proposte di legge, riducendo il rischio di veder presentate pdl inutili o dal contenuto potenzialmente imbarazzante per il M5S che in passato ha generato tensioni e polemiche.

C'è chi ricorda il precedente della senatrice (non rieletta) Enza Blundo. Tra le iniziative della parlamentare abruzzese viene citato, in particolare, l'emendamento con cui chiese di devolvere i fondi destinati alla ricostruzione post sisma in Emilia Romagna ai terremotati de L'Aquila. Per ovviare a questi incidenti di percorso c'è chi propone di sottoporre pdl ed emendamenti al voto assembleare prima dell'approdo nelle commissioni e in Aula.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.939

Anno XXXVII n° 13 / 5 luglio 2018

MOLLO TUTTO E VADO A VIVERE NELLA FORESTA

Christian Corrocher ha lasciato Conegliano, sua città natale, per andare a vivere nella foresta Amazzonica. Per anni ha mangiato solo pesce e yucca ed è vissuto senza elettricità, né acqua corrente. Questa è la sua storia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×