21/07/2018possibile temporale

22/07/2018temporale e schiarite

23/07/2018parz nuvoloso

21 luglio 2018

Esteri

Dice "negro" durante riunione, dirigente Netflix costretto a dimettersi

commenti |

Ha usato per due volte la parola "negro" nel corso di riunioni di lavoro. Per questo motivo il capo della comunicazione di Netflix, Jonathan Friedland, è stato costretto a dimettersi. Secondo alcune fonti - spiega 'Hollywood Reporter' - Friedland ha usato la parola N (ovvero la parola "negro", così discriminatoria negli Stati Uniti da essere innominabile) in un incontro con altri membri dello staff aziendale, alcuni dei quali hanno poi riferito l'accaduto ai dirigenti.

 

"Jonathan ha dato un contributo in molte aree, ma il suo uso descrittivo della parola N in almeno due occasioni sul lavoro ha mostrato una consapevolezza razziale inaccettabilmente bassa e non in linea con i valori della nostra società", ha spiegato in un memo al personale il ceo di Netflix, Reed Hastings. "Lascio Netflix dopo 7 anni.

 

I capi devono essere irreprensibili nel dare l'esempio e purtroppo non sono stato all'altezza quando sono stato insensibile parlando con il mio staff delle parole che possono essere offensive in una commedia", ha scritto Friedland su Twitter, dove ha anche confessato di "sentirsi malissimo per il disagio causato dal lapsus alle persone della società che amo e dove desidero che ognuno si senta incluso e apprezzato".

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

immagine della news

15/06/2015

Netflix

In Italia da ottobre l’applicazione che sostituirà la tv.

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×