26/09/2017sereno

27/09/2017quasi sereno

28/09/2017velature sparse

26 settembre 2017

Nord-Est

Disastro maltempo, 36 incidenti e un morto sulle strade in Veneto

commenti |

Neve e ghiaccio sono la causa di numerosi incidenti stradali, in varie località del Veneto, di cui uno mortale. La vittima è un albanese di 58 anni che ha perso il controllo della propria auto a Camposampiero (Padova) finendo contro il muretto di un passo carraio. Sono stati complessivamente 36 gli incidenti stradali per il fondo stradale ghiacciato che hanno visto, dalle 6 di oggi, impegnati i vigili del fuoco.

 

Al momento i pompieri stanno lavorando al recupero di tre auto finite in fosso a causa dell'asfalto scivoloso. Decine i tamponamenti e le uscite di strada autonome. Forti i disagi in varie località e nella Bassa Padovana a causa della chiusura dell'autostrada A14. Nel vicentino è comparsa anche la neve che ha causato in mattinata, nella città berica, disagi alla circolazione soprattutto a causa di rallentamenti e di alcuni tamponamenti che si sono verificati in particolare nel momento di picco di traffico mattutino.

 

Già dall'alba squadre del comune hanno operato con mezzi spargisale nei giorni scorsi nei punti critici della città, come ponti, sottopassi, salite, strade collinari, con particolare attenzione alla zona di Monte Berico. La protezione civile segnala per le prossime ore la possibilità che ci sia ancora qualche lieve nevicata. Da domani pomeriggio la temperatura dovrebbe aumentare, anche se rimane un quadro di generale instabilità che potrebbe produrre nuove precipitazioni.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×