18 ottobre 2019

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Doc Mobili chiude. 57 lavoratori in cassa integrazione

Accordo con i sindacati: pagamento arretrati e precedenza ai dipendenti

commenti |

commenti |

FOLLINA – Doc Mobili: liquidazione a fine mese, due anni di cassa integrazione per i lavoratori e diritto di precedenza rispetto a eventuali nuove assunzioni in Doimo Arredamenti.

 

Giovedì 24 gennaio l’assemblea dei lavoratori del mobilificio di Follina ha approvato all’unanimità l’ipotesi di accordo elaborato al termine delle trattative del 22 gennaio presso la sede di Unindustria a cui hanno partecipato Filca Cisl e Fillea Cgil, le rappresentanze sindacali unitarie, Unindustria e rappresentanti aziendali.

 

L’accordo prevede l’assorbimento da parte di Doimo Arredamenti di 4 figure professionali da subito e il diritto di precedenza per tutti i 57 ex dipendenti della Doc per quanto riguarda nuove assunzioni: se da oggi ai prossimi 5 anni una delle aziende che fa capo a Doimo Arredamenti dovesse assumere qualcuno, dovrà necessariamente essere un ex dipendente della Doc Mobili.

 

“Abbiamo trovato l’accordo – afferma Marco Potente della Filca Cisl di Treviso - su un piano di cassa integrazione straordinaria biennale al quale seguirà l’eventuale messa in mobilità dei lavoratori che nel frattempo non avranno trovato un altro impiego. Accordo anche sul piano di gestione degli esuberi che prevede un percorso di riqualificazione e di ricollocazione attraverso agenzie private di outsourcing e contributi a sostegno del reddito ai lavoratori posti in cassa integrazione straordinaria”.

 

E’ stata infine risolta la questione degli stipendi (i 61 dipendenti avanzavano 2 mensilità): è stato programmato un piano di pagamento degli arretrati. La Doc Mobili, al ritorno dalle ferie natalizie, aveva comunicato alle organizzazioni sindacali l’intenzione di cessare l’attività alla fine di gennaio, con la conseguente dismissione di tutti i rapporti di lavoro. I lavoratori avevano proclamato lo stato di agitazione anche in conseguenza del mancato pagamento degli stipendi di novembre e dicembre. A fine mese l’azienda verrà posta in liquidazione, mentre la produzione continuerà fino a metà febbraio.

 

“Si tratta – sottolinea Potente – di un altro pezzo di storia del territorio che se ne va. Il distretto del mobile del Quartier del Piave sta perdendo un’azienda dopo l’altra, è un massacro. Servono un sistema bilaterale e strategie comuni e di rete per gestire le crisi e favorire la ricollocazione dei lavoratori. Per quanto riguarda il caso specifico della Doc Mobili, è mia ferma intenzione cercare di far riassorbire altri lavoratori nelle aziende del Gruppo Doimo”.

 

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

immagine della news

21/06/2018

All'asta il mobilificio Vittoria

Crisi economica, la storica attività di Ormelle ha chiuso i battenti lo scorso anno dopo quasi 50 anni di attività

immagine della news

15/04/2015

In sette senza casa

Il problema alloggio è prioritario per i più indigenti. E il comune non sa che fare

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×