25/11/2017pioggia

26/11/2017piovaschi e schiarite

27/11/2017sereno

25 novembre 2017

Conegliano

La Docg sarà un biodistretto

Basta che il rapporto tra superficie biologica e tradizionale sia del 4,1%. Attualmente siamo al 3,65%

commenti |

docg biodistretto

CONEGLIANO - Il Comune di Conegliano ha lanciato ufficialmente il biodistretto agricolo. “Per aiutare la nostra realtà a crescere, l'obiettivo da centrare è quello del biodistretto, ed il risultato è davvero vicino” ha dichiarato il sindaco Fabio Chies, di fronte ai colleghi sindaci e rappresentanti dei 15 Comuni della Docg e del Consorzio del Prosecco superiore.

 

Il dato alla base del progetto del biodistretto, che coinvolge i 15 Comuni della Docg, riguarda i 687 ettari sau (superficie agricola utilizzata) di biologico già praticata e quindi il rapporto tra convenzionale (18.840 ettari sau) e biologico (687 ettari sau) che attualmente è del 3,65%. Progetto su dati forniti da Avepa, di cui si fatto interprete Fiorello Terzariol, consulente tecnico del comune di Conegliano e ambasciatore emerito di Città del Vino.

 

"Per costituire il biodistretto agricolo nel nostro caso, insistendo in Regione Veneto, è sufficiente che sul territorio coltivato ci sia un rapporto percentuale tra convenzionale e biologico del 4,1% - ha detto Terzariol - noi al momento siamo al 3,65 % e questo è incoraggiante perché delinea già una tendenza abbracciata dai nostri produttori.

 

Soprattutto perché dobbiamo considerare sia che si tratta per i privati di un percorso volontario, sia perché le condizioni climatiche del nostro territorio impediscono di praticare il biologico ovunque. I benefici del biodistretto si tradurrebbero in un marchio da apporre ai prodotti biologici, con vantaggi sia di tipo commerciale sia di promozione del territorio.

 

Non è un caso che nel vicino veneziano se ne sia già costituito uno che si afferma come il più importante a livello nazionale". Insieme allo studio per un biodistretto è stata presentata in Municipio anche una app gratuita per smartphone che sarà presto a disposizione di tutti e che consente in modo automatizzato di avvisare dei trattamenti fitosanitari.

 

Una pratica già diffusa ma che ancora può trovare realtà di non applicazione, con conseguenti liti. "Una app che contribuisce allo sviluppo sostenibile del territorio e in linea con una maggiore sostenibilità ambientale - ha spiegato Claudio Toppan, assessore all'ambiente di Conegliano - Una app che segnali almeno 24 ore prima i trattamenti in vigna da parte degli agricoltori o dei terzisti.

 

Trattamenti che ad oggi, dove questo sistema di pre allertamento non avviene, provoca contrasti tra agricoltori e confinanti. La app è un sistema che consentirà di facilitare il dialogo e quindi di eliminare i possibili contrasti, che metteremo a disposizione di tutto il territorio dei 15 comuni della docg".

 

Leggi altre notizie di Conegliano

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Conegliano

Dossier

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.924

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×